Un'e-bike senza cambio e marce. E' la proposta della startup finlandese Revonte che ha presentato il modello One, una bicicletta elettrica che va oltre il concetto di pedalata assistita e rappresenta una decisa innovazione in un settore suscettibile di ricerca e sviluppo, considerato il potenziale seguito di pubblico.

Revonte One, come funziona l'e-bike finlandese

La Revonte One è dotata di un motore elettrico da 250 watt in grado di produrre 90 Nm di coppia. Il propulsore può raggiungere un picco di potenza da 1500 watt e si abbina a un'ulteriore unità che controlla la velocità in uscita. L'innovazione proposta dal costruttore finlandese è l'introduzione sulla e-bike di un sistema di azionamento che integra il motore stesso, una trasmissione diretta detta "stepless a variazione continua" e i restanti componenti elettronici in un'unica unità di controllo a sua volta gestita da un software.

Grazie al sistema di trasmissione diretta, senza cambio e marce, il moto passa direttamente attraverso una serie di ingranaggi planetari mentre una catena classica collega la pedivella alla ruota posteriore. Con l'unità di azionamento all in one, la Revonte One permette al ciclista di ottenere la giusta cadenza di pedalata sia in modalità automatica, tramite un software di gestione, che manuale con la possibilità di cambio tra un numero di marce virtuali.

La possibile uscita della Revonte One

Revonte prevede il lancio del modello One già nel 2020 con possibile aumento della produzione nel 2021. La startup finlandese prosegue le sue attività grazie a donazioni raccolte da investitori privati e finora è arrivata a una capitalizzazione di 2 milioni di dollari. Oltre alle bici, Revonte si propone anche come possibile fornitore di trasmissioni per altri mezzi e-bike.

Monopattini elettrici: regole definitive, ma l'Asaps mette in guardia