Top5: moto moderne di cui ci siamo dimenticati velocemente

Top5: moto moderne di cui ci siamo dimenticati velocemente

Cinque modelli di cui probabilmente non vi ricordate, anche se sono passati pochi anni dalla loro presentazione. Esperimenti poco convincenti che non meritano nemmeno il "cult" del fenomeno flop, perchè sono semplicemente passate inosservate

Redazione - @InMoto_it

Non sono stati dei veri e propri flop, perchè se pensiamo alla F650SC Scarver di BMW, ha avuto un discreto seguito di appassionati, così come l'Aprilia Motò 6.5 che a discapito di vendite penose e un generale "feeling" negativo da parte dei motociclisti sta ricevendo attenzioni e quotazioni in crescita O ancora la bistrattata Suzuki B-King che ora è un cult fra i collezionisti. Qui si parla di moto che non hanno ricevuto un minimo di attenzione, nè al momento del lancio nè dopo, che sono cadute nel dimenticatoio e che non vengono considerate più da nessuno. A fatica gli appassionati le ricordano, perchè in giro non se ne vedono e nessuno ne parla nè bene nè male. Sono dei "fantasmi" dell'era moderna di cui ci siamo dimenticati

Honda CTX 1300

Realizzata sulla base della ST Pan European 1300, la CTX è stato il tentativo di realizzare una moto dallo stile "bagger-futuristico" partendo da una Gran Turismo e non da una custom. Stesso discorso fatto con la Goldwing F6B, che però ha avuto più seguito e successo. La CTX 1300 non è di certo una moto brutta. E' particolare nelle linee, ok, ma è a suo modo piacevole e ha un equilibrio generale che la rende apprezzabili da una larga schiera di utenti, soprattutto dai nordeuropei. Eppure in Europa si è vista davvero poco, diventando immediatamente un "worst seller" senza venire particolarmente calcolata nemmeno da quelli che la ritenevano orrenda. E' stata in listino dal 2014 al 2016, appena due anni.

1 di 5

Avanti
  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento