Ducati Monster: storia di una moto che non c'era

Ducati Monster: storia di una moto che non c'era

Ad inizio anni '90 dalla matita di Miguel Galluzzi prese forma quella che per anni fu la regina delle naked. Stile e prestazioni l'hanno resa oltre che un best-seller anche una delle moto più iconiche della storia

La storia è fatta di momenti, di episodi che sono spartiacque tra il prima e il dopo. Con la Monster, Ducati tracciò un solco in quell’autunno del 1992 quando venne presentata al mondo una delle moto simbolo nella storia della Casa di Borgo Panigale. E non solo.

Monster 1200 25° Anniversario - LE FOTO

Monster 1200 25° Anniversario - LE FOTO

A 25 anni dalla nascita di uno dei suoi modelli più celebri, Ducati lancia una versione celebrativa, massima espressione della naked sportiva secondo la Casa bolognese. Nello specifico, si tratta di una special edition in 500 esemplari. A renderla unica, una livrea tricolore “dedicata” che caratterizza cupolino, serbatoio e coprisella passeggero, ispirata all’affascinante Monster S4RS Testastretta Tricolore del 2008. Sulla sella è ricamato il logo dei 25 anni, mentre altri segni distintivi sono il telaio color oro e i cerchi Marchesini forgiati con razze a W. Non mancano, infine, numerosi particolari ricavati dal pieno come gli specchietti, i tappi telaio, i contrappesi del manubrio e il tappo del serbatoio, quest’ultimo fornito a corredo. Sempre in alluminio sono anche le leve freno e frizione snodate e il portatarga, mentre sono realizzati in fibra di carbonio i parafanghi anteriore e posteriore, la cover blocco chiave e il paracalore dello scarico.

Guarda la gallery

UN NUOVO CONCETTO 

“Ma l’è pròpri un monster!” è la frase che, pare, esclamò un operaio Ducati alla vista della nuova moto disegnata da Miguel Galluzzi (in copertina il primo bozzetto della futura Monster). Prendendo per buona la leggenda, possiamo dire che tutto partì da qual momento. Era il 1992 e all’Intermot di Colonia vennero levati i veli a una delle naked più riuscite di sempre. La Monster, o “il” Monster che dir si voglia, segnò una vera svolta. Prima di quel momento infatti la naked era vista un po’ come una parente povera delle carenate, mezzi che stavano vivendo un momento di grande splendore. Ducati tirò fuori dal cilindro quello che si può definire un nuovo concetto di moto.

Sportiva e brillante nelle prestazioni, ok, ma anche carica di stile e personalità caratteristiche che fino a quel momento raramente si erano viste su moto di quella categoria.
Con la sua creatura Miguel Galluzzi seppe tirare fuori concetti innovativi, partendo da una base tecnica che al periodo era prerogativa delle sportive bolognesi: telaio a traliccio della 851, motore bicilindrico Desmodue di 904 cc da poco meno di 80 CV e raffreddato ad aria, derivato dalla unità della Super Sport 900.

Il tutto abbinato a un design tanto minimalista, quanto aggressivo. Grande protagonista era la prorompente gibbosità di quel serbatoio che, andando a braccetto al codino minimal (che lasciava bene in vista il pneumatico posteriore) ed a uno sterzo non troppo arretrato, caricava visivamente l’avantreno. Questo era ornato da un fanale tondo, semplice nelle fattezze, quando azzeccato se rapportato al contesto. Eh sì, sembrava proprio un mostro pronto a ruggire, che faceva leva sui toni baritonali del doppio scarico e la grande coppia di quel motore.

 

1 di 3

Avanti
  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento