Aprilia Tuareg 660: "Un supporto per chi ha voglia di esplorare"

Aprilia Tuareg 660: "Un supporto per chi ha voglia di esplorare"

Cristian Barelli, brand manager: " Abbiamo sviluppato un mezzo che sia comodo, agile e ricco di tecnologia. Per una moto molto apprezzata dagli appassionati". L'endurona di Noale si porta appresso il peso della storia e un significato concettuale che va oltre il semplice concetto di moto off-road

Redazione - @InMoto_it

"Il nome Tuareg evoca valori che si rifanno all'epoca d'oro dei rally: la Parigi Dakar, il "Faraoni. E' un nome che evoca la sfida, conoscere territori nuovi". Cristian Barelli, brand manager della Casa veneta, spiega il significato di una moto come la prossima Aprilia Tuareg 660, la media enduro che vedremo svelata nei dati tecnici, ed in veste ufficiale, tra poche settimane. 

Una moto come quelle fatte per salirci sopra e via, verso la libertà. Una condizione necessaria e mai banale, che durante la pandemia e il lockdown abbiamo ricercato più di qualsiasi altra cosa. Cercando un rifugio, un simbolo che potesse farci evadere, prima mentalmente e poi fisicamente.

Aprilia Tuareg 660 FOTO

Aprilia Tuareg 660 FOTO

Attesa finita. Sulle pagine social Aprilia è sbucato il video che mostra le fattezze definitive della nuova Aprilia Tuareg 660. La media enduro di Noale che chiude il cerchio della "trilogia 660" con la quale la Casa Veneta ha inaugurto un nuovo corso.

Guarda la gallery

AVVENTURA CON LA STORIA

I tecnici Aprilia hanno studiato bene il passato del marchio e del modello e non hanno voluto rinunciare all'indole puramente fuoristradistica, con un occhio alle lunghe distanze. La ruota anteriore da 21" e la grande luce a terra, il telaio a traliccio di chiara ispirazione off-road e la sella lunga e piatta che sembra fatta più per gli spostamenti del sedere in passaggi tecnici che per portare comodamente un passeggero. Certo, ora il motore ha un cilindro in più rispetto alla antesignana, ma il gusto dakariano di fondo c'è ancora e il questo nome può essere scritto con fierezza sul serbatoio (anch'esso bello grosso come in passato).

Perché il senso d'avventura è bello sempre, ma se lo si vive in sella alla storia è più bello ancora. L'endurona di Noale è il mezzo attraverso cui il desiderio off-road di molti motociclisti vuole essere appagato attraverso diverse generazioni, fino a quella moderna, che potrà godere della versione 2022 di Tuareg 660. Che si porta appresso il peso della storia, vedi le competizioni, le sabbie africane, cercando di trasportare quelle sensazioni nella guida di tutti i giorni, dando forma a un prodotto che mischia le tipiche caratteristiche off-road a una serie di funzionalità adventure - pacchetto elettronico avanzato, diversi Riding Mode - in grado di soddisfare i più esigenti.

Come è cambiata: Aprilia Tuareg

LA LINEA DELL'ORIZZONTE

Senza dimenticare il serbatoio da 18 litri, sinonimo di grande autonomia, e quindi di viaggi lunghi, in cui sentirsi "uomini liberi", ovvero "imohag", come amavano definirsi i membri della tribù dei Tuareg. Provate a vedere qualche foto: hanno gli occhi dello stesso colore della linea dell'orizzonte che separa il cielo dal deserto, lì, dove ogni uomo libero desidera arrivare.

Aprilia Tuareg: dopo la 660 sarà la volta della 125?

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento