Brembo si è lasciato il Covid alle spalle. L'azienda bergamasca ha infatti registrato numeri più che positivi nel primo trimestre del 2021, l'anno in cui compie 60 anni di vita. I ricavi sono record: 675,1 milioni (+17,2%) e un utile netto più che raddoppiato a 61,4 milioni (+106%). E a gennaio, febbraio e marzo 2021 la sezione dedicata alle moto è cresciuta del 40,5%.

Brembo New G Sessanta, la pinza freno del futuro

"UNA RIPARTENZA ROBUSTA"

"Siamo entrati nel sessantesimo anno di Brembo con un risultato particolarmente incoraggiante - afferma il fondatore  e presidente del consiglio d'amministrazione Alberto Bombassei -. I dati del primo trimestre 2021 mostrano infatti una ripartenza robusta e confermano il trend che ha caratterizzato gli ultimi tre mesi del 2020. Nella storia di Brembo non avevamo mai registrato ricavi così alti in un primo trimestre, che crescono non solo rispetto allo stesso periodo del 2020, ma anche e soprattutto rispetto al 2019".

SI CRESCE IN TUTTO IL MONDO

Nello specifico, Brembo ha registrato vendite in crescita in Italia del 20,9%, in Germania del 6,1%, in Francia del 27,6% e nel Regno Unito del 6,2%. Ma le cifre positive arrivano anche da oltreoceano, ad esempio in Asia: in Cina si cresce del 97,4%, in Giappone del 20%, in India del 31,2%. Infine, da segnalare la crescita nel mercato nordamericano, tra Stati Uniti, Canada e Messico (5,9%), mentre in Brasile e Argentina avviene un calo del 21,1% ma che, a cambi costanti, cresce contestualmente del 3,3%.

Brembo: fatta per l'acquisizione del 100% di J.Juan