RITORNO IN BELLEZZA VERSO IL MARE durante la quarta tappa, 380 km, che ha regalato ai partecipanti l’esperienza di un’immersione totale nella splendida costiera del Cilento, tra curve, scorci grandiosi ed eccellenze della celebre Dieta Mediterranea, nata qui. Quindi Riviera dei Cedri e poi all’interno verso il Pollino calabrese, con entusiastica accoglienza da parte della comunità di Mormanno, le sue Autorità, il suo motoclub.

LA QUINTA TAPPA, di 375 km, è stata purtroppo funestata da un incidente, fortunatamente non gravissimo, ai danni di un partecipante tamponato da un suv guidato da una signora molto distratta. Malleolo fratturato e la moto sul furgone dell’assistenza. Anche il meteo ha deciso di rompere la tregua iniziale con la manifestazione, portando secchiate d’acqua lungo tutto il tratto dai grandi laghi della Sila alle scogliere di Tropea e Capo Vaticano, tra strade interrotte e novole basse a inghiottire ogni panorama.

LE DUE TAPPE SICILIANE, la sesta e la settima, rispettivamente 313 e 180 km, hanno poi fatto conoscere piccole chicche nascoste come le Gole di Alcantara, il Castagno dei Cento Cavalli, Portella della Ginestra, lo scoglio Lampare di Castel di Tusa, il bosco della Ficuzza. Ma anche paesaggi spettacolari e assoluti come Capo Taormina, Etna e Cefalù, attraverso la via dei Nebrodi e le strade della Taga Florio nelle Madonie.

AL MOMENTO DELLE PREMIAZIONI, i cinque classificati a zero penalità sono risultati: il motoraidman piemontese Davide Biga, su Yamaha Super Tenerè; Roberto Diddi, su Yamaha Tracer; Roberto Corsini su Suzuki V-Strom; Ennio Polidori su Bmw R1100; Flavio Albanese su KTM Super Duke. Segnalate, e premiate, anche le sei conduttrici al femminile della manifestazione: Laura Cola, Anouscha Keller, Miriam Orlandi, Maria Livia Boella, Maria Luisa Biancardi e Stefania Pretaroli.

MOLTI INFINE, DA SEGNALARE, i comuni lungo il percorso che hanno fornito con entusiasmo il proprio patrocinio, o anche un semplice supporto logistico tale da offrire alla carovana indimenticabili esperienze di accesso ai centri storici. Cominciando ovviamente da Genova e da Palermo, passando per Lerici, Volterra, Massa Marittima, Leonessa, Montesarchio, Mormanno, Bagnara Calabra, Cefalù. Insomma, una bellissima esperienza da ripetere.