Tour Sardegna on-off 2021: il racconto di un'avventura

Tour Sardegna on-off 2021: il racconto di un'avventura

Il nostro tour on-off di fine stagione è arrivato alla sua quinta edizione e con gli anni acquista sapore come un buon vino

Era l’ormai lontano 2016, quando Toni merendino, alias Tom42 e InMoto decisero di organizzare un tour per maxi enduro sugli splendidi terreni sardi. Già, perché la morfologia di queste terre, tanto ricche di granito, è l’ideale per guidare pure le grosse e pesanti bicilindriche, anche in caso di fondo molto bagnato.

Quella lontana edizione numero zero contava pochi partecipanti e durava solo 4 giorni di adventouring, poi le cose si sono evolute, i partecipanti sono aumentati e i giorni di viaggio sono diventati 8, con maggior percentuale di tratti in fuoristrada.

Viaggiare divertendosi

La formula è quella ideale. Assistiti da guide locali capeggiate dall’inarrestabile Fabio Locci, il nostro “uomo all’Avana”; poi la costante presenza dei tester di InMoto, gente decisamente assuefatta alle due ruote, e infine i partecipanti, veri appassionati e sempre pronti a fare gruppo.

Parliamo di viaggio perché il tour è itinerante per la maggior parte dei giorni, così da poter sfruttare in pieno quello per cui la propria maxi enduro è stata pensata.

Quest’anno KTM ci ha fornito la cavalleria pesante: la 890 Adventure e la 1290 Super Adventure, entrambe in versione R, roba da leccarci i baffi al solo pensiero di poterle guidare entrambe. Ne è risultato anche un dettagliato e agguerrito confronto, il cui video arriverà prossimamente su questi schermi.

Sbarchiamo a Golfo Aranci e da qui iniziamo a respirare quell’ inconfondibile odore di macchia sarda, che ci accompagnerà fino all’ultimo giorno. Cominciamo così un grande cerchio in senso antiorario, attraverso il quale gireremo buona parte dell’isola. Il primo tratto ci fa scoprire i territori interni del nord e nel giro di tre giorni ci porta dalla costa est a quella ovest, scavalcando il monte Limbara con la sua imponente foresta di sequoie di Vallicciola. Il pernottamento a Buddusò ti fa entrare in una diversa realtà rispetto a quella comunemente percepita della Sardegna. Un paese a 700 metri d’altezza circondato da foreste di sugheri e preistorici nuraghi.

PAESAGGI TUTTI DA SCOPRIRE

Oristano e il suo grande golfo sono un altro luogo tutto da scoprire, come l’antico centro storico o il piccolo paese di pescatori di Marceddì, raggiunto attraversando la zona rurale di Arborea, mantenuta con l’accuratezza di un giardino.

Da qui due giornate con percorso ad anello ci hanno fatto scoprire l’entroterra Oristanese, sui declivi dei monti Grighine e Arci, con una puntata verso sud nelle splendide zone intorno a Piscinas. Proprio qui abbiamo inaugurato un nuovo tratto di off-road tra Buggerru e Fluminimaggiore, un lungo tratto molto gustoso, che sicuramente diventerà parte delle prossime edizioni. Proseguiamo tra montagne e cielo che si confonde col colore del mare; dietro ogni curva si celano paesaggi pazzeschi! Sulle tracce vecchie e nuove, sono i due Garmin Montana 700 a indicarci perfettamente la via, schermo grande e luminoso, touch sceen perfettamente gestibili anche a guanti indossati; ci è piaciuto molto!

Alla guida alterniamo continuamente le due KTM scoprendo differenze sempre più nette. Indubbiamente la 890 R in fuoristrada è la bicilindrica più sportiva che ci sia e, sebbene la 1290 R sia molto più potente, pare quasi più docile al suo confronto. In un viaggio come questo, entrambe sono perfettamente pensate per rendere al meglio,

Nella successiva tappa viaggiamo da Oristano ad Arbatax, attraversando l’isola a metà altezza. I paesaggi cambiano nuovamente, ora viaggiamo su grandi altopiani interrotti da profonde vallate e pure qui esploriamo una nuova traccia fuoristrada, che da Belvì ci porta al lago Bau Miggeris, con la splendida vista sul torrione naturale di Perda ‘e Liana, che si rivela più impegnativa in alcuni tratti.

Ultimo giorno e ultimo fantastico percorso off-road sull’altopiano del Golgo e poi verso il passo Genna, oggi si devono mantenere concentrazione e reattività, perché attraversiamo percorsi ricoperti da ogni tipologia di fondo sassoso sardo.

Sabato sera, Golfo Aranci e facce tristi, siamo all’imbarco del traghetto di ritorno, ma già pensiamo al prossimo anno!

6° Tour on-off in Sardegna LE FOTO

6° Tour on-off in Sardegna LE FOTO

Il nostro tour on-off di fine stagione è arrivato alla sua quinta edizione e con gli anni acquista sapore come un buon vino. Ve lo raccontiamo…

Guarda la gallery

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento