"Piccola" Tentatrice

E' lei, la “piccola” KTM 1050 a completare la gamma Adventure: una ciliegina che non è in cima alla torta, ma dentro, il sapore ultimo, quello che lascia il palato piacevolmente stuzzicato e lo stomaco soddisfatto. “Entry level” un cavolo... La Adventure 1050 è una scelta di testa: i cavalli che servono (95, ed è anche il limite massimo per poterla avere depotenziata) e l'elettronica di cui non si può più fare a meno. Quindi ABS (disinseribile), controllo di trazione, Riding Mode. Il tutto è condito da una ciclistica senza fronzoli, non gestita elettronicamente e capace di infondere sicurezza in ogni condizione di guida. Anche in questo caso la parola d'ordine è “equilibrio”. Il bicilindrico ha una “schiena” stupefacente che permette di danzare fra le curve con una facilità e una morbidezza inaspettate. Si viaggia coccolati: il poco peso (212 kg senza carburante) e l'ottima ergonomia garantiscono un ottimo controllo che non viene meno neanche quando il ritmo si fa incalzante; la ciclistica risponde pronta, il bicilindrico anche. L'impostazione è quasi stradale, con tutti i benefici che questo comporta: una sella vicina al suolo, un set up delle sospensioni non flaccido e una maneggevolezza che diventa impressionante sui tornati più stretti e in tutti quelli situazioni in cui si deve “danzare”, ancor prima di guidare. KTM ha centrato un altro obbiettivo e ora la gamma “Adventure” è davvero completa. Per cilindrata e prezzo, 13.150 Euro, la 1050 è solo il modo più semplice per entrare in questo mondo, ma non il meno divertente. Vi spiegheremo tutto con calma il 25 Febbraio, con il prossimo numero di InMoto. Federico Garbin