Prova Honda NT1100 DCT: i voti del #SottoEsame

Prova Honda NT1100 DCT: i voti del #SottoEsame#sottoesame

La touring-crossover della Casa dell'Ala concretizza un nuovo concetto di viaggiatrice su asfalto. Pregi, difetti, caratteristiche e prezzo, scopriamo con quali voti ha superato il nostro test

La sigla è di quelle storiche. Di quelle che le Case moto, anche quando “dismesse”, non buttano mai via. Il motivo è semplice: in quanto portatrici sane di concetti ben sedimentati nell’immaginario motociclistico, tornano sempre utili al momento opportuno; quando occorre veicolare istantaneamente un messaggio. Come adesso, in cui all’interno dei listini Honda iniziava a farsi sentire la mancanza di una macina-chilometri pura, dedicata alle avventure su asfalto. Un mezzo equipaggiato a dovere per affrontare le medie e lunghe distanze; ma anche sufficientemente equilibrato per gli spostamenti di tutti i giorni o le gite del week-end. Perché è vero, c’è l’Africa Twin. Ma non per tutti, il viaggio in moto, fa necessariamente rima con polvere, fango e off-road. 
Abbiamo testato la nuova NT1100, in versione DCT (quindi quella con cambiata "automatica"), lungo le belle strade del Montserrat, in Spagna. Di seguito, l’analisi “voce per voce” nel nostro consueto #SottoEsame, con le impressioni di guida e i voti assegnati al design, ai contenuti tecnici, alla resa dinamica e al rapporto qualità/prezzo. Attenzione però: si tratta solo di un antipasto. Sul prossimo numero di In Moto in edicola, troverete il test completo insieme agli approfondimenti e ai contenuti esclusivi.

HONDA NT1100 DCT: DESIGN

Un mezzo dal forte carattere estetico, destinato sicuramente a dividere. La nuova NT1100 raccoglie l’eredità della vecchia NT, mescolandola ad una filosofia crossover ispirata alla più recente produzione del marchio. Il risultato è un'inedita categoria di touring-crossover, che ibrida i due emisferi alla ricerca di un'esperienza di viaggio su asfalto il più gratificante possibile. Un incrocio di mondi che si coglie subito anche nel design. All'avantreno spiccano i richiami all'X-ADV (il disegno del faro è lo stesso) rimodellati in chiave motociclistica attraverso volumi importanti (ma allo stesso tempo armoniosi). La sella ampia, le carene protettive, il codino solido, con cui ben si sposano le valige in dotazione, inneggiano a gran voce alla voglia di orizzonti e di paesi lontani. Complessivamente, un design che esprime eleganza e sobrietà (anche un po' troppo), ben sottolineate dalle tre colorazioni previste: Matte Iridium Grey Metallic, Pearl Glare White e Graphite Black. VOTO: 7

HONDA NT1100 DCT: CONTENUTI TECNICI E DOTAZIONI

La base meccanica è nota. Ad equipaggiare questa novità è infatti il collaudato bicilindrico parallelo di 1.084 cm3 da 102 CV e 104 Nm già a bordo della best seller Africa Twin. La messa a punto, però, è specifica per la NT, al fine di incrementare fluidità e attitudine stradale. Come ormai da consuetudine per la Casa giapponese, poi, non poteva mancare una versione DCT (a 6 rapporti), sicuramente un'opzione azzeccata per un mezzo di questo genere. Interessante il dato dichiarato sui consumi, soprattutto alla luce del peso non proprio piuma della moto pari a 238 chili con il pieno (248 la DCT): 20 km/l nel ciclo medio, per un’autonomia di 400 km grazie al serbatoio da 20,4 litri.
Il telaio a semi-doppia culla in acciaio, con telaietto reggisella in alluminio, è associato a sospensioni ad escursione maggiorata (150 mm), con forcella Showa SFF-BP e mono-ammortizzatore entrambi regolabili nel precarico molla (idraulico, con registro remoto “a pomello”, al posteriore).
Le geometrie della ciclistica ricercano la massima attitudine stradale, attraverso un interasse relativamente corto e un avantreno, sì agile, ma anche capace di infondere stabilità alle alte velocità. L’impianto frenante sfrutta pinze ad attacco radiale a 4 pistoncini che lavorano dischi di 310 mm all’avantreno. Gli pneumatici misurano 120/70-17” e 180/55-17”, che più stradali non si può.
Piuttosto completo, anche il pacchetto elettronico. Il cruscotto prevede un touch screen TFT a colori da 6,5” dotato di connettività Apple CarPlay, Android Auto tramite tecnologia Bluetooth. Il comando del gas è Throttle by Wire e la gestione motore prevede 3 Riding Mode preimpostati (TOUR, URBAN, RAIN) e 2 completamente personalizzabili, compresi i livelli del controllo di trazione e dell’antiwheelie.
Le luci sono full-LED e con sistema DRL automatico; in più, gli indicatori di direzione prevedono la disattivazione automatica e la funzione di lampeggio per la segnalazione della frenata di emergenza. Inoltre, di serie, sono previste anche delle pratiche valigie laterali, le manopole riscaldabili, il cavalletto centrale, il cruise control e le prese USB e ACC. VOTO: 9

HONDA NT1100 DCT: ERGONOMIA E COMFORT

Per una moto votata (anche) ai lunghi viaggi, questa è una voce importantissima. Forse la più importante. E bisogna dire che la NT non delude le aspettative, nonostante qualche particolare migliorabile.
Ma partiamo dai plus, che sono tanti e subito evidenti. A partire dalla seduta, che sfrutta una sella ampia e comoda sia per il pilota che per il passeggero: alta 820mm, grazie anche alla particolare rastrematura nella zona di giunzione con il serbatoio, consente (più o meno) a tutti di poggiare saldamente i piedi a terra. Insomma, la classica Honda facile da manovrare e approcciare, anche se vedendola parcheggiata, viste e dimensioni, magari non lo diresti. Come spiccatamente Honda è anche la posizione di guida, con una triangolazione sella/pedane/manubrio che non presta il fianco a critiche. Semplicemente perfetta.

Si guida correttamente inseriti nel corpo moto, con il busto dritto e le braccia ben distese. Un’immediata sensazione di comfort, ben supportata dall’ampia carenatura che protegge durante la guida deviando i flussi d’aria insieme ai piccoli deflettori aerodinamici (di serie), e al parabrezza regolabile su 5 posizioni. Quest’ultimo, solo nella posizione più alta (l’escursione è di 164 mm), in velocità innesca qualche vortice nella zona del casco; peccato, inoltre, che la regolazione sia manuale e non elettrica. Altro piccolo neo è il blocchetto al manubrio sul lato sinistro: d’accordo, le funzioni sono tante e servono comandi per governarle, ma oltre a essere davvero affollato di tasti (serve un po’ di pratica, sulle prime) anche la dimensione ampia non aiuta: ad esempio, con la mano normalmente sulla manopola, durante la guida, per usare il tasto di scalata del DCT il dito tende a finire sempre sul pulsante delle frecce, appena più in alto. Le valigie laterali, infine, nonostante non riescano ad ospitare comodamente un casco integrale (ne entrano due, invece, nel baule posteriore in optional), godono di un’elevata sfruttabilità grazie ai volumi ampi (in totale 65 litri, 33 + 32) e omogenei
In conclusione, tante virtù e qualche piccolo neo che non intacca l’elevata valutazione complessiva. VOTO: 8,5

HONDA NT1100: DIVERTIMENTO E PIACERE DI GUIDA

Ma come se la caverà una moto così, quando si tratta di fare sul serio su un bel tratto di strada particolarmente guidato? Le incredibili curve del Monserrat, tra misto stretto e passaggi veloci in cui sciogliere le briglie, hanno rappresentato un ottimo banco di prova.
Di sicuro, la NT è un mezzo che privilegia l'approccio touring, a quello sportivo. Una moto con cui pennellare traiettorie una curva dopo l'altra. Ma quando la voglia di sportività si impossessa del polso destro, lei di certo non si tira indietro. Nonostante il peso non proprio piuma, la manovrabilità è davvero elevata. Come anche la capacità di manetenere la traiettoria una volta impostata la curva. Convince a pieno l’avantreno, sempre solido e comunicativo, mentre il mono va un po’ indurito rispetto alla regolazione standard (posizione 7 su ben 34 click a disposizione), per migliorare la precisione quando si vuole esagerare sul guidato. Grazie al comodo comando remoto sotto alla sella, l’operazione richiede appena pochi secondi.


Ottima la frenata; bella la spinta in uscita di curva del bicilindrico, che conferma le sue doti di versatilità d’uso (e destinazione) non facendo rimpiangere (anche grazie all’elettronica, davvero efficace nel gestire l’erogazione) potenze maggiori o frazionamenti diversi (come il quattro cilindri da 1000cc che molti ipotizzavano su questo modello).
Contrariamente ad altre Honda, poi, in cui il DCT genera talvolta un po' di beccheggio all'alteriore, grazie al buon sostegno offerto dalla forcella in frenata, e a una regolazione ottimale dell’acceleratore elettronico (piacevolmente smooth, e praticamente privo di effetto on/off), qui il fenomeno non si presenta. 
Tra i riding mode disponibili - che tra i parametri principali, regolano potenza, freno motore e controllo di trazione - Tour è quello che globalmente si apprezza di più, e che riesce maggiormente a far sentire “la moto nel polso”; ferma restando la possibilità di sfruttare le due modalità "custom" per settare a piacere ogni livello di intervento dell’elettronica. In conclusione, non si tratta certo di una moto da coltello tra i denti, e le pedane che arrivano a grattare abbastanza in fretta l’asfalto lo testimoniamo (parliamo ovviamente di ritmi di guida elevati, da tester), ma su questa NT, all’occorrenza, ci si può divertire davvero tanto, levandosi più di qualche sfizio.
Precisa, solida, e insospettabilmente agile, le sue doti migliori. VOTO: 8

Honda NT1100 LE FOTO DELLA PROVA

Honda NT1100 LE FOTO DELLA PROVA

La sigla è di quelle storiche. Di quelle che le Case moto, anche quando “dismesse”, non buttano mai via. Il motivo è semplice: in quanto portatrici sane di concetti ben sedimentati nell’immaginario motociclistico, tornano sempre utili al momento opportuno; quando occorre veicolare istantaneamente un messaggio. Come adesso, in cui all’interno dei listini Honda iniziava a farsi sentire la mancanza di una macina-chilometri pura, dedicata alle avventure su asfalto. Un mezzo equipaggiato a dovere per affrontare le medie e lunghe distanze; ma anche sufficientemente equilibrato per gli spostamenti di tutti i giorni o le gite del week-end. Perché è vero, c’è l’Africa Twin. Ma non per tutti, il viaggio in moto, fa necessariamente rima con polvere, fango e off-road.  Abbiamo testato la nuova NT1100, in versione DCT (quindi quella con cambiata "automatica"), lungo le belle strade del Montserrat, in Spagna

Guarda la gallery

HONDA NT1100: RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO

Il prezzo di listino, che parte dai 14.290 euro della versione standard, per arrivare ai 15.290 euro della DCT oggetto della prova, è in linea con la dotazione proposta di serie e la qualità generale del mezzo. VOTO: 8

HONDA NT1100: CONCLUSIONI

La NT1100 è sicuramente un mezzo che si rivolge a motociclisti che badano al sodo e cercano versatilità e comfort, dal day by day, alle esplorazioni del fine settimana. Poi, grazie all’equipaggiamento di serie, dentro il necessario, e via… a caccia di emozioni e di strade divertenti su cui guidare. Anche in coppia.
Perfetta per il genere di moto, infine, l’opzione DCT (con cambio “automatico”; e manuale all’occorrenza), che sulla NT riesce a esaltare al massimo le sue doti intrinseche.  
VOTO FINALE: 8,1

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento