Test, Pneumatici Metzeler Racetec TD Slick: instancabili!

Test, Pneumatici Metzeler Racetec TD Slick: instancabili!

TD, ovvero Track Day, ed è la slick dedicata agli amatori che vogliono una gomma duratura, pronta all'utilizzo e senza bisogno di montare le termocoperte. Novità: il posteriore può essere invertito

Redazione - @InMoto_it

Una copertura che non necessiti di attenzioni particolari, che sopporti più cicli termici (riscaldamento-raffreddamento) senza mostrare il fianco o evidenziare un decadimento delle prestazioni, con il plus di una durata notevole. Una panacea per tanti motociclisti che sfogano la propria passione in pista. Metzeler va incontro a queste esigenze con i nuovi Racetec TD Slick, le gomme dedicate proprio alle giornate tra i cordoli.

Metzeler Racetec TD Slick: instancabili! |FOTO

Metzeler Racetec TD Slick: instancabili! |FOTO

Arrivano sul mercato i nuovi Racetec TD, ovvero Track Day, la copertura perfetta per gli amatori che necessitano di una slick duratura e di facile utilizzo. Non servono le termocoperte e il posteriore può essere montato in entrambi i sensi di rotazione

Guarda la gallery

SLICK PER TUTTI

Pneumatico slick, ma che può essere impiegato anche senza attrezzarsi di termocoperte, grazie a ridotti tempi di warm-up, e che non richiede alcun particolare set-up della moto per poter essere sfruttato al meglio. Bisogna solo avere l'accortezza di non spingere da subito, ma usare il buon senso per qualche chilometro.



Tra le sue caratteristiche, il grip elevato e la costanza di rendimento anche dopo svariate sessioni: il costruttore dichiara addirittura la possibilità di affrontare con il posteriore almeno un paio di giornate di track day... ovviamente in base alle caratteristiche della pista, delle condizioni di lavoro e del livello di aggressività della grana dell'asfalto. Dalla sua, il Racetec TD ha una grande versatilità su diversi asfalti e temperature operative, elevata resistenza all’abrasione e – non meno importante - la possibilità di invertire il senso di rotazione del posteriore tra una sessione e l’altra qualora la configurazione della pista consumi prevalentemente una spalla soltanto.

ALLA RESA DEI CONTI...

Abbiamo avuto moto di verificare il rendimento di questa gomma sulla pista di Vallelunga con una lunga sessione dedicata, spezzata da qualche pausa ai box proprio per verificare il rendimento dopo frequenti cicli di raffreddamento e riscaldamento.
Le pressioni che abbiamo utilizzato - rigorosamente “a freddo”, quindi misurate con il pneumatico a temperatura ambiente - sono di 2,1 bar per l'anteriore e 1,8 bar al posteriore. In via del tutto teorica si può ipotizzare una pressione di esercizio a caldo superiore di 0,2-0,3 bar misurata una volta che il pneumatico ha raggiunto la temperatura ideale. Pressioni leggermente superiori a quelle normalmente utilizzate per coperture più specialistiche.

Comparativa SBK 1000, Vallelunga: Honda CBR 1000 RR-R |Video ON-BOARD

Comparativa SBK 1000, Vallelunga: Honda CBR 1000 RR-R |Video ON-BOARD

Un giro in sella alla rinnovata Fireblade sul tracciato di Vallelunga fatto in occasione della nostra comparativa che presto vedrete (e leggerete) su In Moto. I 217,5 CV (dichiarati) del suo 4 cilindri in linea lanciano toni acuti, di stampo racing, tra le curve del circuito "Piero Taruffi"

Guarda il video

Da un punto di vista del comportamento dinamico, il lavoro dei tecnici Metzeler si è focalizzato nel creare un pneumatico neutro e facile fin dai primi metri, che non richieda set-up ciclistici particolari e che riesca ad adattarsi alle caratteristiche ciclistiche della moto. Installati su una moto come la Honda Fireblade CRR 1000 RR-R, i Racetec TD hanno evidenziato quanto promesso dalla Casa: un comportamento neutro, tanto feeling e un ottimo grip alle massime inclinazioni e molta agilità, tanto nei cambi di traiettoria quanto nella discesa in piega.

E dopo 40 giri tirati, hanno messo sul piatto della bilancia un livello di usura invidiabile, premessa di una vita utile della gomma molto lunga.

Honda CBR600RR-R: nuova "R" e nuova vita per la SS di Tokyo?

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento