Chi aveva 14 anni negli anni ‘80 e '90 ricorda perfettamente Malaguti, un marchio quasi da “pelle d’oca” perché i suoi “tuboni” e scooter erano tra gli oggetti più desiderati da adolescenti che di “social” potevano avere giusto il bar di paese o la piazza dove incontrarsi con gli amici e per questo necessitavano di un mezzo per arrivarci.

Dal 2019 KSR Group ha rispolverato il marchio fondato negli anni '30 e riavviato la produzione con nuove proposte piuttosto interessanti. Esempio è la Dune una 125 che rientra nella gamma Adventure ed è proposta ad un prezzo di 3.499 euro.

Malaguti Dune 125: dettagli da "grande"

Sul piano estetico a caratterizzarla è il pronunciato “becco”, oggi elemento che sembra quasi imprescindibile per una on-off. Su questa scia abbiamo pneumatici CST semitassellati che tracciano la strada che la Dune 125 vuole perseguire.
Linee gradevoli impreziosite da uno scarico, cromato, che ha la medesima inclinazione del telaietto reggisella, e anche la zona del propulsore risulta piuttosto pulita. La sella appare sovradimensionata, ma decisamente comoda. Non mancano alcuni dettagli “da grande” come le pedane ricoperte in gomma antiscivolo, una presa USB sul cruscotto e la griglia plastica a protezione del radiatore.

Inoltre abbiamo un cupolino fumè, portapacchi posteriore  dove si può installare facilmente una piastra porta bauletto, una strumetazione di tipo analogico/digitale con tachimetro, l’indicatore del livello carburante e un mini computer di bordo. Infina abbiamo blocchetti dall'aspetto "basic", ma funzionali, leve non regolabili, in compenso l’impianto frenante è dotato di tubi in treccia.

Malaguti Dune 125: saliamo in sella

La seduta si conferma molto comoda; corretto anche il posizionamento del manubrio e delle pedane. Una volta in marcia notiamo subito la bella risposta del freno anteriore ben tarato in rapporto alle velocità, oltre che al peso della moto di 130 Kg dichiarati a secco.


Le sospensioni sono semplici ma adeguate alla moto, con l’abbondante escursione della forcella, qui una tradizionale a perno avanzato.

Malaguti Dune 125: motore brioso agli alti

Il piccolo motore 125 della Malaguti Dune si è dimostrato brillante sfoderando la sua verve dai 6000 giri/min fino a oltre i 10.000 giri/min mostrando carattere in linea con la potenza massima di 11 kW a 10.750 giri/min. Sotto i 6000 risulta un po’ pigro, il che non è necessariamente uno svantaggio nel traffico cittadino,. ben coadiuvato da un cambio decisamente fluido, facile e per nulla ruvido, seppur con rapportatura lunga.

Malaguti Dune 125: una gazzella nel misto

Dove il Dune 125 però ci ha davvero piacevolmente stupito nel guidato; la precisione con cui il telaio permette di impostare e mantenere le traiettorie in curva ci è parsa sorprendente considerando che si tratta di una piccola 125. E questo a maggior ragione se consideriamo gli pneumatici tassellati che certo non dovrebbero aiutare in questo senso e invece…

E, dato che li abbiamo tirati in ballo di nuovo, vale la pena dire che grazie a loro un facile sterrato, una strada di campagna o magari gli argini di un fiume potrebbero diventare un bel parco giochi all’aperto, per un sedicenne che abbia voglia di scoprire cosa significhi una moto vera a marce: con lei ti muovi in città, magari per andare a scuola come nei giretti fuori porta, dove gironzolare per il puro divertimento. Anche in virtù di consumi dichiarati da 2.8 l / 100km. Nella nostra prova abbiamo superato abbondantemente i 30 km con un litro.

"Quanto fa?”: la velocità massima dichiarata è di 106 km/h e guidandola, nonostante la nostra mole ecceda quella di un adolescente, siamo riusciti a vedere sul contachilometri digitale oltre i 110.

Malaguti Dune 125: per i motociclisti di domani

E allora, nell’epoca in cui la maxienduro più venduta ha una cilindrata 10 volte superiore, ha ancora senso una 125? La risposta è certamente si, perché ai motociclisti di domani servono moto possibili e piacevoli come questa, non solo per ingolosirli ma per permettere loro di avere una crescita motociclistica progressiva ed evitare di ritrovarsi a guidare poi una maximoto con poca competenza per guidarla.

Codice della Strada: si riparla di 125 in autostrada