Eicma 2021, Yamaha R6 Race e GYTR: roba da smanettoni

Eicma 2021, Yamaha R6 Race e GYTR: roba da smanettoni

La dominatrice del WorldSSP si prepara al nuovo anno con la conferma della versione per la pista e una ad alto contenuto tecnico, con livree personalizzabili Tech Black e bianca

Redazione - @InMoto_it

Il 2022 di Yamaha inizierà nel segno della tradizione supersport della Casa di Iwata: il lungo dominio nel WorldSSP da parte della R6 merita un futuro e merita il supporto totale dei piloti e dei team nipponici: per questo ecco R6 Race e R6 GYTR.

Yamaha R6 Race e R6 GYTR 2022

Yamaha R6 Race e R6 GYTR 2022

La supersportiva di Iwata è regina nel WorldSSP e offre ai piloti nuove nuove versioni per l'anno che sta arrivando. Race è esclusiva per la pista, senza componenti da strada e incentrata sulle alte prestazioni. R6 GYTR sarà disponibile solo nei GYTR Pro Shop a partire da gennaio con una lunga serie di componenti premium

Guarda la gallery

Yamaha R6 Race

La storia di R6 nel World SSP è semplice e il suo palmarés parla da solo con tante moto partenti sullo schieramento. Motore 599 cc con pistoni forgiati leggeri, valvole in titanio e un rapporto di compressione 13,1:1. Sistema Yamaha Chip-Controlled Intake (YCC-I) e Yamaha Chip Controlled Throttle (YCC-T), frizione antisaltellamento, trasmissione a sei velocità e cambio elettronico. La dotazione della R6 è senza concorrenza. La ciclistica vanta telaio Deltabox in alluminio con telaietto posteriore in magnesio e serbatoio in alluminio, forcella anteriore di tipo R1 regolabile KYB da 43 mm e un ammortizzatore posteriore KYB regolabile per una guida precisa e traiettorie nette in curva. Pinze radiali con freni a disco da 320 mm per tempi da leader su giro. Livrea Tech Black con forcelle dorate e assetto da gara, senza componenti da strada non essenziali.

Yamaha R6 GYTR

R6 GYTR sarà disponibile esclusivamente presso i GYTR Pro Shop. È equipaggiata con una vasta gamma di componenti GYTR (Genuine Yamaha Technology Racing) ad alte prestazioni, tra cui una centralina Superstock programmabile con un'interfaccia con cavo che consente al pilota di ottimizzare le prestazioni del motore, oltre al cablaggio da corsa. Scarico racing Akrapovic in titanio, piastre di bloccaggio dell'AIS (Air Intake System, sistema di aspirazione) in dotazione per rimuovere tubi flessibili e canister, pignone catena e corona da 520, tubi freni in acciaio. L'emulatore ABS GYTR consente lo smontaggio della pompa ABS per un'ulteriore riduzione del peso. La sella da corsa GYTR e i set da gara completamente regolabili offrono la posizione da gara ideale mentre il cambio può anche essere invertito. La carena è in fibra di vetro rinforzata in carbonio, livrea base bianca per consentire ai piloti di personalizzarla a proprio piacimento.

Le consegne inizieranno a partire da febbraio 2022 per la R6 Race, a gennaio per la GYTR: cinque GYTR Pro Shop sono già operativi in Europa, ma la rete è destinata ad espandersi nel 2022.

YAMAHA, A EICMA 2021 UNA TRACER 9 PER LA POLIZIA DI STATO

 

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento