Rewind, Suzuki GSX-R 1000 K5: la primadonna di Hamamatsu

Rewind, Suzuki GSX-R 1000 K5: la primadonna di Hamamatsu© archivio InMoto

Agile, leggera e potentissima, rispetto ai modelli precedenti questa GSX-R sfoggiava tanta cattiveria agli alti regimi. E il pilota si divertiva parecchio...

Redazione - @InMoto_it

Fantastica! Questo l'aggettivo che nel 2005 usciva dalla bocca (e dalla penna) del nostro tester in occasione della primissima prova della Suzuki GSX-R 1000 2005 o - più semplicemente - la K5 (come spesso viene identificato il modello di sportiva Suzuki in base all'anno di uscita sul mercato).

La "Gixxer" del periodo spezzava effettivamente i legami con il passato, e lo faceva in modo efficace. Completamente nuovo il design (probabilmente uno dei più riusciti per la 4 cilindri di Hamamatsu) e rivisto il motore. La GSX-R1000 K5 era un "cannone" da quasi 180 CV di potenza massima per soli 166 kg di peso a secco dichiarati (in pratica quello di una supersport 600) con la quale divertirsi su strada come in pista ma soprattutto destinata, per esplicita ammissione dei vertici di Suzuki nel 2005, a ridefinire i parametri delle performance assolute della categoria delle maxi. 

1 di 3

Avanti
  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento