Il marchio di abbigliamento inglese Barbour e il motociclismo sono sempre andati a braccetto: basti pensare che nel 1964 Barbour divenne il fornitore ufficiale del team motociclistico americano per la Sei Giorni di Trial, e i capi di questo brand storico furono indossati anche l’indimenticato attore Steve McQueen e lo stuntman Bud Ekins.

L'intera storia di Barbour è stata in realtà l'ispirazione per il design della moto, condividendo lo stile urban e vintage e l’artigianalità.

Pochi marchi possono rivendicare il patrimonio motociclistico di Barbour International. Nel 1908, il catalogo di Barbour comprendeva già una tuta di tela cerata progettata le moto, antivento e antipioggia. Nel 1936, Duncan Barbour, un appassionato motociclista, introdusse la tuta da moto a pezzo unico A1 in una cera verde scuro, sviluppata appositamente per l'evento ISDT (la Sei Giorni di Trial) del 1936.

Negli anni '40, la A1 fu adattata per uso militare, diventando uno standard per gli equipaggi sottomarini britannici e, negli anni '50, una versione nera della giacca internazionale divenne la "divisa" ufficiale del Vincent Owners Club. La tuta ha continuato a essere popolare sul circuito dell’ISDT, indossata praticamente da tutti i motociclisti dagli anni '50 agli anni '70.

Nel 2016 è nata una linea di abbigliamento di Barbour in collaborazione con il marchio motociclistico inglese Triumph.

Una special “ufficiale”

Ora per consolidare questa partnership è nata anche una special “ufficiale”, firmata da Unik Edition Custom Motorcycles, un garage portoghese di Lisbona, e commissionata proprio da Barbour International per motivi promozionali. I fondatori  di Unik Edition, Tiago, Luis e il resto del team, si sono fatti conoscere sin dalla loro prima special, realizzata nel 2016 nella loro officina nel quartiere Moscavide di Lisbona, dove sul retro hanno il laboratorio per le special.

"L'intera storia di Barbour è stata in realtà l'ispirazione per il design della moto", ha detto Tiago di Unik Edition alla testata Bikebound.com.

 “Barbour era ed è un marchio motociclistico autentico e originale. Molti marchi hanno aspirato a questo titolo, ma Barbour non è mai stato battuto" aggiunge Tiago.

Barbour è un marchio di moda che rappresenta le tendenze urbane, vintage e chic. Il marchio inglese è un vero riferimento in termini di design, taglio e forza dei suoi prodotti. Offre una selezione dedicata al motociclismo e ha una reputazione e una competenza sviluppate fin da quando Barbour International divenne il fornitore ufficiale del team motociclistico americano della Sei Giorni di Trial”, spiega Tiago di Unik Edition.

Com’è fatta la Black & Yellow

La base di partenza della special Black & Yellow è una Triumph Scrambler del 2014, sulla quale sono apparsi elementi di design urbano e vintage, realizzati a mano. Per personalizzarla, Unik Edition ha realizzato un nuovo tachimetro abbinato ad una staffa ad hoc, manubrio cromato vintage, nuovi parafanghi in alluminio spazzolato, scarico personalizzato, sottotelaio più corto. Nuovi anche gli pneumatici. Infine, la verniciatura ‘dedicata’, con tocchi di giallo su serbatoio, faro e fianchetti.  E se volete sapere com'è guidare la moto finita, la risposta di Tiago è molto eloquente: “Rumorosa, comoda e divertente”.

Caschi vintage: i 'Top 8' di In Moto