Nuova KTM 890 Duke, la naked austriaca vuole il trono

Nuova KTM 890 Duke, la naked austriaca vuole il trono

Più potenza e coppia per la media di Mattighofen, che equipaggiata con il bicilindrico parallelo di 890 cc arriva a esprimere la bellezza di 115 CV e 92 Nm. La concorrenza è avvisata

Alessandro Codognesi

Nel nord dell’Austria, una piccola cittadina di campagna chiamata Mattighofen conta all’incirca 6.000 abitanti. Gran parte di questi la mattina si alza, prende la macchina e si dirige orgogliosamente a lavorare in un grande capannone grigio e arancione. Ci teniamo a soffermarci sull’avverbio “orgogliosamente”: chi lavora in KTM, a qualunque ruolo, è un profondo appassionato del marchio e di una certa tipologia di moto. Quale? Quelle che basta un’occhiata per capire come andrà a finire. Prendete un qualunque modello KTM: a noi vengono in mente lunghe impennate, traversi in uscita di curva. 

KTM 890 DUKE: PER CHI NON SI ACCONTENTA

Tutto questo, la 790 Duke lo ha sempre saputo fare piuttosto bene. Ma al pubblico non basta mai ed evidentemente nemmeno a chi, la 790, l’ha pensata e progettata. Perciò ecco la nuova 890 Duke, che ha più cavalli e si posiziona appena sotto la versione R. Il prezzo? 10.700 euro.

KTM 890 DUKE: COME è FATTA

KTM 890 Duke, LE FOTO

KTM 890 Duke, LE FOTO

Più potenza e coppia per la media austriaca, che equipaggiata con il bicilindrico parallelo di 890 cc arriva a esprimere la bellezza di 115 CV e 92 Nm. La concorrenza è avvisata…Ecco le foto

Guarda la gallery

La novità più importante riguarda naturalmente il motore. Come suggerisce il nome, la Duke di nuovo corso sarà equipaggiata con il bicilindrico parallelo di 889 cc (90,7 x 68,8 mm alesaggio e corsa), qui capace di esprimere 115 CV e 92 Nm (+7 CV e +6 Nm). Come in passato saranno quattro le mappature disponibili, Rain, Street, Sport e Track (optional) e di serie ci saranno anche il controllo di trazione (8 livelli) con piattaforma inerziale (evoluta e ora a 6 assi), l'anti-wheelie e l’ABS Cornering. Tutto nel rispetto della nuova normativa Euro 5.

Il bicilindrico della 890 Duke è racchiuso nell’ormai classico traliccio in acciaio dalle quote compatte (1.475 mm d’interasse, 24° d’inclinazione del cannotto) che accoppiato alle sospensioni WP Apex migliorate nella taratura (ma pur sempre non regolabili a meno del precarico del mono) dovrebbe garantire divertimento a palate. Anche perché il peso è rimasto (fortunatamente) ai limiti dell’anoressia: 169 kg a secco. Da segnalare anche gli inediti pneumatici di serie, i Continental ContiRoad, e le nuove pastiglie per le pinze anteriori che lavorano dischi di 300 mm. A listino ci sarà anche la 890 Duke L, pensata per i neopatentati (potenza massima 95 CV o direttamente 48). La concorrenza è avvisata...

Comparativa naked di media cilindrata: lotta all’ultimo sangue!

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento