E’ arrivata la nuova Kawasaki KX250F: l’ultima quarto di litro della gamma KX-F si presenta oggi con 1.7 kg in meno sulla bilancia e più potenza. Tante le novità stilistiche ed ingegneristiche e, per la prima volta, su una KX, grafiche stampate al posto dei classici adesivi.

Con una migliorata efficienza volumetrica, dovuta ad una ottimale configurazione del condotto di aspirazione - ora di tipo downdraft - , Kawasaki punta ad offrire una spinta più sostenuta ai bassi e medi regimi, con una risposta del motore più pronta e una accelerazione più rapida.

Il pistone dal design più leggero ha una struttura bridge-box con modifica all’offset del cilindro per incrementare l’efficienza meccanica. Questa caratteristica non è solo condivisa con la sorella maggiore KX450F ma anche con la supersportiva Ninja ZX-10R e la Supercharged Ninja H2.

La resistenza è la caratteristica fondamentale per tutte le moto da competizione, e per il 2017, la KX250F ha aggiunto una modifica alla levigatura del cilindro e ai cuscinetti per la testa di biella, ora del tipo “a strisciamento”. Per quel che riguarda la levigatura del cilindro, questa nuova tecnica migliora la finitura delle pareti e permette al lubrificante un’azione più efficiente ed una riduzione degli attriti. L’adozione di cuscinetti a strisciamento al posto di quelli a rullini per la testa di biella rientra nella filosofia generale volta ad un’ulteriore riduzione delle perdite meccaniche.

L’alleggerimento del motore di 0.8 kg, dello chassis di quasi 1 kg, nuovi componenti e settaggi rivisti per la forcella Showa Separate Function Type 2 e la sospensione posteriore Uni-Trak promettono un’azione più scorrevole ed un feeling di guida migliore.

Più stretto di 6 mm, il nuovo telaio pesa 90 g meno dell’attuale grazie ad un montante ridisegnato mentre le nuove dimensioni del forcellone conferiscono una rigidezza ottimale e un alleggerimento di 190 g.

"Con la praticità di 3 mappe motore “plug and play” offerte di serie e l’affidabile KX fi calibration kit (optional), il modello 2017 è la naturale evoluzione prestazionale della dinastia KX250F", ha assicurato Steve Guttridge, European Race Planning Manager di Kawasaki.

 “Nel motocross, la classe 250cc è molto importante ed è fondamentale per Kawasaki avere una moto competitiva non solamente tra i factory team della MXGP ma anche nei paddock nazionali e locali così come per quei piloti che usano la nostra moto solamente per divertirsi.

“Per barrare tutte queste caselle e avere una moto capace di piazzarsi sempre sul podio, KHI ha sviluppato un my2017 incredibile, in grado di soddisfare la voglia di vincere dei piloti di qualunque categoria”, ha concluso Steve Guttridge.