Alcuni nuovi brevetti recentemente depositati da Harley-Davidson mostrano come la Casa a stelle e strisce stia lavorando a un sistema di frenata d'emergenza automatica da adottare sui nuovi modelli di prossima uscita.

CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO

C'è subito da sottolineare come il sistema che HD sta studiando non funziona come il cruise control adattivo che molte Case a due ruote stanno proponendo in questo periodo: da Milwaukee lo descrivono piuttosto come un sistema atto a prevenire gli incidenti, e da utilizzare solo in caso di emergenza. Funziona grazie a una serie di sensori che monitorano l'ambiente circostante, la moto e anche il guidatore. Il sistema utilizza una telecamera sul cruscotto che guarda indietro, oltre a ulteriori sensori inseriti nelle manopole del manubrio e nella sella. Presente anche la tecnologia di tracciamento visivo, ottenuta grazie a una telecamera da montare sul casco e fissata all'occhio del motociclista: si tratta di un metodo per monitorare costantemente se il pilota è concentrato sulla strada davanti a sé.

Harley-Davidson, un turbocompressore per i V-twin

Una serie di spie e avvisi tattili e acustici richiameranno il centauro: se quest'ultimo tarderà a rispondere, il sistema azionerà i freni rallentando la moto fino a farla fermare. Il sistema può valutare inoltre quanta potenza frenante è sufficiente per una specifica situazione, il che significa che può nel caso aggiungere una certa forza frenante se il motociclista non ne sta mettendo a sufficienza.