Mentre la Polizia metropolitana di Londra aveva già iniziato alcuni mesi fa a far uso dei droni per monitorare e sanzionare gli automobilisti e i motociclisti più incauti, ecco che i piccoli apparecchi volanti sono tornati utili anche in altre parti dell’isola britannica per scongiurare furti e per tenere sotto controllo tutti quei motociclisti che praticano offroad illegale nelle varie contee.

Regno Unito, i giovani preferiscono le moto elettriche

TRA FURTI DI VEICOLI E CONTROLLO

A riportare la notizia sono stati i colleghi di MCN, che hanno riferito nei giorni scorsi di come la Polizia dell’Essex fosse riuscita in maniera efficacie a scongiurare alcuni reati. Gli agenti di Polizia della contea dell’Inghilterra orientale, infatti, avevano recentemente affermato di aver notato droni alzarsi in occasione di alcuni furti, con il semplice scopo da parte dei delinquenti in questione di monitorare l’arrivo delle forze dell’ordine nei pressi del luogo dove si stavano compiendo gli illeciti.

Spinti dal metodo adottato proprio dagli stessi malviventi, dunque, gli agenti hanno voluto copiare la tecnica dei droni per cercare di prevenire i furti di veicoli e per eseguire attività di controllo su tutto il territorio.

Non solo nell’Essex però. Infatti, sempre secondo MCN, anche nel Nottinghamshire i droni sono tornati utili alle forze dell’ordine per contrastare l’attività fuoristradistica illecita. Il reparto volante è stato schierato nell'area di Watnall, cittadina a pochi chilometri da Nottingham, come parte di un'operazione che ha portato all’identificazione – con tanto di multe e sequestro del mezzo – di alcuni motociclisti colti mentre erano alle prese con giri in moto non propri leciti nell’area rurale di Watnall.

Honda, brevetta una moto elettrica con drone