Kawasaki: il settore moto verrà scorporato

Kawasaki: il settore moto verrà scorporato

Un processo di razionalizzazione e riorganizzazione della company, per poter cogliere nuove opportunità e prepararsi al meglio alle sfide future

Diego D'Andrea

Probabilmente, la situazione generata dall’emergenza Covid non ha fatto altro che accelerare un processo di razionalizzazione e sviluppo già in parte previsto.  Una riorganizzazione che anticipa future, nuove sfide, come si apprende dal comunicato diramato nella giornata di ieri: Kawasaki Heavy Industries ha deciso di scorporare il settore moto dalle altre attività della company a partire dal mese di Ottobre 2021. Inoltre, dal prossimo mese di Aprile, Kawasaki ha in programma di integrare le sue attività di Ship & Offshore Structure e Energy System & Plant Engineering, allo scopo di accelerare gli sforzi per lo sviluppo di sistemi a idrogeno.

Kawasaki: arrivano la Versys 1000 S e sistema Skyhook di Showa sulla SE

SETTORE MOTO

Il Power Sports Business, che comprende una parte del Motorcycle & Engine Business, include motociclette e quad, ed è l'unica produzione globale del brand rivolta direttamente al consumatore (diversamente da quanto avviene, ad esempio, nel settore ferroviario, in cui la Casa giapponese è leader). Proprio per andare incontro alle diverse esigenze strategiche della produzione motociclistica, si è ritenuto di operare uno spin off, che rendendola più indipendente dalle dinamiche generali del gruppo, ne acceleri i processi decisionali, sia in termini di nuovi prodotti, che di offerte in ambito lifestyle e Power Sports, capaci di incontrare più velocemente (e facilmente) i desideri dei clienti. Una base, quest'ultima, che secondo l’analisi Kawasaki sta invecchiando e ha bisogno di essere “rinnovata”. Senza trascurare le nuove sfide tecnologiche e ambientali all'orizzonte. Per questo, parte del processo prevede anche il rafforzamento di cooperazioni intra-industriali, ad esempio attraverso lo sviluppo congiunto di propulsori elettrici e tecnologie di sicurezza avanzate, alla ricerca di nuovi mercati.

IL FUTURO È A IDROGENO

Per la Casa giapponese, al momento, è la missione principale: affermarsi, in breve tempo, come leader mondiale nel campo dell'energia basata sullo sfruttamento dell’idrogeno, attraverso la sua divisione Energy System & Plant Engineering. Gli sforzi sono enormi, e all’inizio, con tutta probabilità, andranno ad interessare primariamente il settore navale (altro campo in cui è impegnata la company), per poi sfruttare il know how acquisito anche in altri contesti.
E a questo punto, chissà che l’elettrico, come sostengono in molti, non sia destinato a rimanere solo una parentesi, rispetto alla vera rivoluzione, pronta a cambiare il mondo della mobilità (e non) nei prossimi anni: quello di una società realmente “green”, fondata sull'idrogeno.

Kawasaki, le nuove livree per Ninja 125, Z125 e Z900

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento