"100 anni di storia verso il futuro" è un progetto realizzato da EICMA in collaborazione con In Moto, per raccontare ai visitatori del Salone della Moto l'evoluzione delle aziende che ogni anno partecipano all'esposizione dedicata alle due ruote più importante al mondo. All’interno di ciascun padiglione ci sarà infatti un’area dedicata a quelle imprese che hanno voglia di illustrare una sfumatura, un oggetto, una curiosità, un successo che ha caratterizzato il proprio percorso. «Per un giovane imprenditore quale era Franco Acerbis, due furono gli incontri più significativi degli anni ’70, avvenuti in EICMA, che permisero in seguito all’azienda di fare il grande passo», ricorda Michela Acerbis. «L'incontro con l’imprenditore Alejandro de Tomaso, proprietario al tempo di Benelli e Moto Guzzie un primo incontro in Europa con i referenti di Suzuki e Honda, per un futuro sviluppo delle plastiche delle moto del Sol Levante!» E oggi, cosa rappresenta EICMA per Acerbis? «Mentre fino a 10 anni fa questo era un appuntamento fondamentale dal punto di vista del business, negli ultimi anni EICMA, come molte altre fiere, si è trasformata in una “vetrina di visibilità” nella quale fare branding. Oggi è un momento di confronto con i nostri stakeholder». Che cosa proponete al Salone? «Esponiamo annualmente, oltre ad alcuni prodotti “continuativi”, le principali novità legate alle nostre aree di business relative al settore moto: plastiche, abbigliamento/accessori Off Road e abbigliamento/accessori Dual Road. Nel corso dell’ultima edizione, su di un totale di circa 970 prodotti, 174 erano le novità e una quarantina quelle esposte». Tra i prodotti presentati di maggior successo, in Acerbis ricordano la mascherina faro Elba nel 1982, il paramano Rally Brush nel 1989, la linea di protezioni per l’enduro e il cross e l’abbigliamento tecnico Off Road, la cui produzione è iniziata nel ’95.