La Di.Di Bike in azione a Vallelunga

La Di.Di Bike in azione a Vallelunga
Una Honda NC700S adattata dalla HandyTech, perché anche i disabili possano andare in moto. Non è ancora omologata in Italia

Redazione - @InMoto_it

In occasione del Di.Di Day, svoltosi sulla pista di Vallelunga il giorno di Pasquetta, è stata presentata anche la "Di.Di Bike": un prototipo su base Honda NC700S adattato per persone con problemi agli arti inferiori o paraplegiche. La moto è stata realizzata in collaborazione con Honda Italia e con HandyTech, l’azienda astigiana che ha recentemente modificato una KTM per consentire di tornare a correre al pilota endurista Nicola Dutto, divenuto paraplegico a seguito di un incidente in gara nel 2010. A provare la Di.Di Bike sul piazzale di Vallelunga è stato Marco Ercole, un ragazzo che ha perso entrambe le gambe in un incidente automobilistico. La modifica principale della moto consiste nell’adozione di due ruotine posteriori. Agendo sui due pulsanti posizionati sul manubrio, le ruotine si sollevano quando si desidera partire e si abbassano quando ci si vuol fermare. Un cicalino sonoro avvisa che il movimento non è ancora stato completato, e le spie, una rossa e una verde, segnalano visivamente sul cruscotto la posizione delle ruotine. Si tratta di un sistema elettromeccanico completamente inedito, ma per ora destinato solo all'uso nelle aree chiuse alla circolazione stradale: per l'omologazione su strada servirebbe una variazione alle norme del codice. In altri Paesi, come la Germania, la strada è già aperta. L'auspicio è che diventi una realtà anche in Italia.

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento