Si può essere amanti della bicicletta o completamente disinteressati al mondo delle due ruote, ma in entrambi i casi se venisse chiesto qual è la bicicletta più famosa della storia d'Italia, tutti risponderebbero allo stesso modo: la Graziella. Mezzo di trasporto preferito dai giovani e dalle celebrità degli anni '70, il modello della Bottecchia ritorna nel mercato odierno.

Bianchi e il boom delle bici: ”In Italia sta accadendo qualcosa di straordinario”

ELETTRICA, PIEGHEVOLE E A PEDALATA ASSISTITA

Un ritorno contraddistinto, ovviamente, dalle leggi e dalle tecnologie di oggi. La mobilità non si ferma, evolve, e con essa anche Graziella, che ritorna in forma di e-bike a pedalata assistita. L'aspetto esterno non cambia, rimane fedele a quello originario. Un amore vintage che però non vale, ovviamente, per la ciclistica. La nuova Bottecchia Graziella infatti è dotata di un piccolo propulsore elettrico che trova posto nel mozzo della ruota e alimentato da un pacco batterie inserito ne portapacchi posteriore.

DUE MODELLI, CLASSICO E MODERNO

I modelli della gamma inedita sono due: Genio e Agile. Graziella Genio è la più conforme all'originale, con pacco batterie da 288 Wh, 70 km d'autonomia e cerchi da 20" a doppia camera in alluminio. Il motore è abbinato a un cambio Shimano TX35 7 velocità, freni V-brake e un display LCD a otto funzioni inserito sul manubrio. Prezzo di listino 1449 euro.

Graziella Agile è meno accessoriata di Genio, ma con caratteristiche simili. Esteticamente si presenta più moderna, abbandonando le linee puriste, Il propulsore, nel suo caso, è posizionato nel mozzo davanti e ha batterie da 240 Wh, che portano a una diminuzione dell'autonomia. Solo tre funzioni per il display LCD. Scende quindi anche il costo: 1229 euro.

E-bike, la nuova moda: 10 interessanti modelli sul mercato