Suzuki GT380, la café racer anni '70 incontra la tecnologia

Suzuki GT380, la café racer anni '70 incontra la tecnologia

La nipponica è stata rielaborata in maniera sportiva dal tuner statunitense The MotoWorks, che ha utilizzato tecnologie moderne per portare la sua custom negli anni 2000

Redazione - @InMoto_it

Gli anni '70 incontrano l'era moderna, con la nuova custom sfornata da The MotoWorks. Il tuner statunitense ha svelato la sua Suzuki GT380. Un restyling della café racer nipponica secondo gli standard tecnologici di oggi, essendo stata realizzata attraverso processi CAD.

NUOVE PERSONALIZZAZIONI AD HOC

La moto presenta un design sportivo, ed è stata progettata in 3D con l'aiuto dell'industrial designer Jeremy Lacy. Il telaio è totalmente inedito, costruito ex novo e integrato con i serbatoi di carburante e olio, entrambi coperti da una fibra di vetro personalizzata. Presente anche un telaio ausiliario contenente il sedile ribassato, rifinito in pelle. La sella è di color marrone chiaro, anche se a spiccare è inevitabilmente il bianco perla della carrozzeria.

Suzuki GT380 custom by The MotoWorks: FOTO

Suzuki GT380 custom by The MotoWorks: FOTO

La café racer giapponese anni '70 è stata rielaborata in maniera sportiva dal tuner statunitense The MotoWorks, che ha utilizzato tecnologie moderne

Guarda la gallery

Nella parte anteriore, è stato montato un nuovo faro allo xeno, mentre dietro trova spazio una luce dei freni modellata in policarbonato. Altri dettagli stilistici includono dei clip-on e poggiapiedi personalizzati e sospensioni posteriori con ammortizzatori Öhlins. Il tricilindrico che spinge la moto è stato ricostruito e messo a punto, e vi sono state aggiunte delle coperture e un nuovo impianto di scarico con camere di espansione in acciaio inossidabile, rivestite in ceramica, con finiture in nero satinato.

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento