C’è chi si diverte a smontare e rimontare le moto, scambiando pezzi e creando customizzazioni di alto livello. E c’è chi, invece, delle due ruote (e anche delle quattro) ne prende solo alcune parti per dare vita a vere e proprie opere d’arte. È il caso di Jos Hammer della Colnic Design. L’eclettico artista scolpisce, crea, elabora: oggetti talvolta semplici, altre volte più complessi e mastodontici.

Il successo della creazione

Le sue opere, ormai, stanno crescendo per fama e apprezzamenti. Una delle sue creazioni più iconiche, il rapace con il serbatoio Kawasaki al posto delle ali, è attualmente in mostra al museo olandese del marchio nipponico. Ma non solo aquile o gufi, Jos Hammer ha una grande passione per gli animali e nel corso degli anni ha costruito, utilizzando bulloni, cuscinetti e pezzi sparsi, anche elaborati pesci, polipi, gechi.

L’artista plasma e piega il metallo: per fare questo ci vuole talento e una visione decisamente fuori dal comune, portando all’estremo l’antropomorfismo di parti di moto ormai inutilizzate e lasciate in un angolo. Non solo animali (nonostante possano essere classificati come suo segno distintivo). Hammer ha utilizzato gli sportelli di un’auto per fare una panchina, ha creato nuove moto da esposizione, ma anche lampade e soprammobili. Un demiurgo del metallo, ma con la passione per le vecchie due ruote.

Moto assurde: i modelli più strani del mondo