Mahindra riporta sul mercato la BSA Gold Star

Mahindra riporta sul mercato la BSA Gold Star

Il modello in voga tra gli anni ’40 e ’60 torna a nuova vita: debutterà sul mercato indiano nel 2022. Stile rétro e monocilindrico da 652 cc raffreddato a liquido

Redazione - @InMoto_it

Nonostante un passato glorioso, il Marchio britannico BSA ha vissuto un profondo declino nella seconda parte del secolo scorso che ha portato alla cessazione di ogni attività già negli anni ’70. Nessuno aveva poi più sentito parlarne, fino a ottobre 2016: la notizia era che Mahindra & Mahindra, colosso indiano dei trattori, ne aveva rilevato i diritti. Sono passati più di 5 anni, ma finalmente si inizia a intravedere ciò che è nato da questa operazione. Il nuovo modello della rinata BSA si presenta come una moderna rivisitazione della Gold Star, che tanto era piaciuta tra gli anni ’40 e ’60.

Com’è fatta la nuova Gold Star

La roadster attuale è spinta da un monocilindrico DOHC da 652 cc quattro tempi e raffreddato a liquido nonostante l’alettatura, omologato Euro5 e, secondo quanto riportato dal costruttore, eroga 45 CV a 6.000 giri/min e 55 Nm a 4.000 giri/min, con cambio a 5 marce e frizione antisaltellamento.

Per quanto riguarda la ciclistica, la nuova Gold Star è abbastanza classica: telaio tubolare in acciaio, forcella da 41mm accoppiata a una coppia di ammortizzatori posteriori regolabili nel precarico su 5 livelli. L'impianto frenante, invece, è formato all’anteriore e alo posteriore rispettivamente da un disco anteriore flottante da 320 mm e da 225 mm, entrambi con pinza Brembo, e con l’ABS a due canali. I cerchi in alluminio a raggi sono da 18” all’anteriore e 17” al posteriore, su pneumatici Pirelli Phantom Sportscomp. Infine, il peso: a secco è di 198 kg, 213 in ordine di marcia (e con un bel serbatoio da 12 litri, con logo BSA su entrambi i lati). Dal punto di vista dello stile, è molto simile al modello a cui si ispira: una moto dal gusto rétro, ma con guizzi di modernità come il display LCD, in mezzo però a due quadranti analogici, e la presa USB sul manubrio.

La nuova Gold Star è stata sviluppata nel Regno Unito e già a inizio 2022 dovrebbe entrare in produzione, e debuttare poco dopo, in India. Nessuna notizia, al momento, di un suo possibile ingresso sul mercato europeo.

TVS E MAHINDRA: IN INDIA SI PENSA A MOTOCICLI FLEX-FUEL

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento