Maxi di gusto. Alle fine degli anni '80 la maxi sportività in salsa Kawasaki era figlia di quella che all'apoca era la ZX-10, una moto che concettualmente non aveva nulla ache sportire con le moderne superbike di Akashi. Il mondo delle race replica era sostanzialmente demandato alla categoria 750 e per il mondo maxi le Case  come Honda e, appunto, Kawasaki, proponevano mezzi dalla caratteristiche dalla vocazione sport tourer.

Su questa scia, evolvendo la efficace ZX-10, nacque nel 1990 la ZZR 1100, una moto che spostava ancora più in alto l'asticella delle prestazioni rispetto, non solo alla progenitrice, ma anche alle varie concorrenti come la Honda CBR 1000 F.

La nuova maxi Kawasaki metteva sul piatto numeri al periodo da "paura": motore 4 cilindri in linea da 152 CV all'albero (132 CV alla ruota) a 9.900 giri per una coppia massima di 10.9 Kgm a 8.500 giri, alimentato da carburatori Kehin CVK 40 (con controllo elettronico del getto principale). Il tutto abbinato ad un telaio doppio trave perimetrale in alluminio, donominato Double-Box, e ad una crenatura affilata che offriva uno dei più bassi CX al periodo: appena 0,30. Il peso era importante: 250 Kg sulla bilancia in ordine di marcia.

Rewind, Kawasaki ZXR 400: piccola grande sportiva

Gira pagina per leggere la nostra prova su InMoto del 1990: