Guida alla scelta: 6 moto classiche valide sotto i 5 mila euro

Guida alla scelta: 6 moto classiche valide sotto i 5 mila euro

Proseguono i nostri consigli per orientarsi nella scelta della due ruote giusta e prendiamo in considerazione le alternative più vintage e dal listino più a buon mercato.

3. Per cominciare: Brixton Cromwell 250 - 3.499 euro

Nella sempre più nutrita gamma del marchio "vintage looking" del Gruppo KSR avremmo potuto in pratica pescare a caso: tutti i modelli potrebbero egualmente rientrare in questa guida alla scelta per moto classiche low budget. Ad eccezione della Crossfire 500 che supera di poco i seimila euro ed ha un design più moderno, tutte le altre moto hanno ciò che ci interessa quest'oggi ovvero un telaio a doppia culla, un faro tondo, un bel sellone piatto ed un prezzo molto basso ottenuto con la produzione in Cina. Tra queste, però, vi proponiamo quella che è la più classica di tutte ovvero la Cromwell e la scegliamo nella cilindrata di 250 cc perché quella di maggior compromesso, ma sappiate che esiste anche 125 e quindi guidabile anche con la sola patente B e che è in arrivo persino la 1.200. La Cromwell 250 è stata un po' il cavallo di battaglia di Brixton nei primi tempi di commercializzazione. Il monocilindrico quattro tempi da 249 cc raffreddato ad aria eroga 12 kW (16 CV) e 16,5 Nm, sufficienti a spingere con un certo brio la massa di 145 kg.  Il cambio è a 5 marce e le ruote sono nelle misure 18" e 17". La sella è posta a 790 mm da terra e il serbatoio ha una capacità di 11,5 litri. Vengono dichiarati una velocità massima di 114 km/h e un consumo di 3 litri per 100 km. Le dimensioni sono compatte e la rendono l'ideale per iniziare a prendere confidenza con il mondo delle due ruote e per muoversi in ambito cittadino. Le prestazioni sono discrete e consentono di imparare.

A chi la consigliamo?

Dimensioni e prestazioni la rendono un'ottima alleata nel traffico cittadino. La consigliamo perciò ai ragazzi e le ragazze che vivono in centro e non sopportano l'idea di muoversi con uno scooter plasticoso ma vogliono invece una moto vera, con le marce e il raffreddamento ad aria da guidare con il giubbotto di pelle. La sella è lunga e comoda e ci si sta anche in due anche se non è certo l'ideale per trasferte un po' più lunghe. Sia per il comfort sia per le prestazioni è consigliabile usarla in solitaria. La ciclistica semplice e funzionale e la posizione di guida eretta consentono di guidare rilassati sfruttando le buone prestazioni del motore. Le finiture non sono il massimo, ma la costruzione ci è parsa solida e lo stile è da special. Un po' limitata la scelta delle colorazioni, ma con quello che si risparmia si può sempre optare per una personalizzazione.

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento