Vertex Pistons, che di recente ha sviluppato nuovi pistoni per le stradali più sportive, ha sviluppato una nuova gamma di corone e pignoni dedicata alle moto fuoristrada, realizzata in Europa e messa a punto in collaborazione con i  team ufficiali del motocross e dell’Enduro.

Dedicati all’off-road

Tre sono le corone disponibili, personalizzate dall’esclusivo design Vertex e lavorate su macchine a controllo numerico con certificazione di qualità a garanzia della migliore durata:

Corona-Steel in acciaio C45 speciale e anodizzata nera;

Corona-Alu in lega 7075 con trattamento termico T6, dotata di scarichi fango sul lato esterno e disponibile in vari colori;

Corona-Duo che ha una parte esterna in acciaio speciale 16CrNi4 con denti temprati a induzione ed una interna in lega 7075 con trattamento termico T6, è completamente anodizzata per aumentare la resistenza all'usura e migliorare la durata ed è disponibile in diversi colori.

Due invece le versioni di pignone, entrambi lavorati su macchine a controllo numerico con certificazione di qualità, prodotti in acciaio speciale 16CrNi4 e disponibili in colore nero: il modello base K e la versione KC dotata di fori di alleggerimento studiati per non pregiudicarne l’affidabilità.

Prezzi: le corone a partire da € 35,50, i pignoni da € 11,50, entrambi Iva esclusa.

La storia

Vertex è nata nel 1953 come officina per produrre ricambi destinati a motori e pompe per l'agricoltura e dieci anni dopo ha avviato due linee per la produzione dei pistoni e il primo ufficio tecnico per la realizzazione dei disegni.

Nel 1992 grazie alle relazioni con team che partecipavano ai vari campionati di motocross, i tecnici di Vertex hanno iniziato a realizzare nuovi pistoni prodotti con speciali materiali, trattamenti termici e profili specifici per l'applicazione off road: il successo è arrivato immediatamente.

Nel 1993 una moto Yamaha YZ125 ufficiale preparata con pistone Vertex, vince il Mondiale Motocross classe 125. Questo diventa il primo di una lunga serie di successi conseguiti a livello internazionale.

Mercato moto: maggio male ma non malissimo