Il caldo mentre si è alla guida può essere veramente fastidioso: l’unica soluzione è aprire un po' la visiera, o confidare nel'impianto di aerazione, ma alle volte arriva solo aria calda. Ora, dagli USA, arriva un'alternativa… accendere l’aria condizionata!

Il casco integrale con sistema di raffreddamento è già una realtà commercializzata negli Stati Uniti: si chiama ACH-1 e a produrlo è la Feher Helmets. Il risultato è che la temperatura all’interno del casco può arrivare a 10-15 gradi in meno rispetto al mondo esterno.

L’idea si deve a Steve Fehler, che ha già brevettato le unità di condizionamento d'aria in miniatura utilizzate per raffreddare i sedili delle auto Rolls-Royce, Bentley, Ferrari, Lexus e GM. Adesso ha pensato di applicarla sul retro del casco. L’unità si carica con batterie apposite oppure si può collegare alla moto.

IL SISTEMA DI RAFFREDDAMENTO - Il casco Feher ACH-1 ha un funzionamento semplice ma intelligente: una pompa di calore pesca l’aria, la raffredda filtrandola e la distribuisce uniformemente attraverso uno speciale tessuto all’interno del casco. Inoltre, aiuta ad asciugare l'aria all'interno del casco, dando un potenziale effetto anti-appannamento che potrebbe rendere utile questo coperchio anche nelle giornate fredde.

E quando non occorre sfruttare il sistema, basta lasciarlo spento o rimuovere il meccanismo: così il casco diventa un normalissimo integrale. L'unità di raffreddamento, comunque, non è pesante: il peso del casco completo è di 1450 gr. E’ omologato secondo le norme di sicurezza DOT/ECE.

Taglie: dalla XS alla 2XL.

Prezzo: 599,99 dollari, ma al momento è offerto in promozione di lancio a 549,99 dollari viene fornito con un cavo e cablaggio per collegarlo direttamente alla batteria della moto.