Simpaticissimo sodalizio di moto e di social, forse di vita, sicuramente di avventura. Lui è Alessandro “Wizz” dei Faenza Winter Bikers, trentenne, anche ribattezzato “motociclista delle nevi” in virtù degli exploit invernali in solitaria attraverso le latitudini più inclementi dell’emisfero Boreale, affrontate a mente libera e cuore leggero, tra neve e ghiacci, in sella ad una vecchia Honda CB600 con già 150mila chilometri all’attivo. Appositamente preparata, munita di ingegnoso (e anche un po’ pazzesco…) sistema di sci laterali retrattili. 
Lei è Arianna, meglio conosciuta sul suo blog come “La Bionda sulla Honda”, bresciana, motociclista e scrittrice, fotografa e studentessa. Instancabile viaggiatrice ma alla sua prima esperienza di grande avventura asiatica in moto. I due riferimenti web sono: inWiaggio.com e labiondasullahonda.wixsite.com

PROGETTO UNICO - Wizz e La Bionda hanno unito da qualche mese le proprie reciproche storie in sella, hanno intrecciato i destini di indomiti viaggiatori in un lungo progetto sulla Via della Seta, hanno condiviso esperienze, risorse,  tempo e… sono partiti! Insieme, lo scorso 2 giugno, rotta Lugo di Romagna – Slovenia. Con tenda e stoviglie al seguito. Stavolta, anche con un clima decisamente più umano rispetto a quelli gelidi cui ci avevano abituato le precedenti imprese invernali di Wizz.

TRA EUROPA E ASIA - Attraversato il cuore dei Balcani, dalla Croazia alla Serbia, dopo lento e riflessivo pellegrinaggio in diagonale per l’intera Bulgaria – rivelatasi, a detta dei nostri viaggiatori, interessantissima scoperta - sono attualmente giunti sul Bosforo, Istanbul, Turchia. Che è anche convenzionalmente considerato punto geografico di separazione tra Continente europeo ed Asia. Superato lo Stretto, ad attenderli c’è dunque ora la Via della Seta. Il piano di “navigazione” prevede: Anatolia, Armenia, Azerbaijan, Georgia, Russia, Kazakistan, Uzbekistan, Kirghizistan e Tagikistan. Totale: 15.000 km entro luglio. 

LE MOTO - Wizz viaggia su una Honda CBF600 (non quella dei viaggi invernali con gli sci retrattili, ma un’altra simile, con “appena” 100mila chilometri sul cruscotto); la Bionda guida una CBX500 nuova. Raggiunto il Tagikistan i due si separeranno. Arianna rientrerà in Italia, mentre Wizz proseguirà in solitaria fino a Vladivostok, Siberia. Per chi è interessato alle avventure invernali di Wizz, è disponibile sul sito dell’autore il libro “Capodanno a Capo Nord”: 240 pagine, 12.000 km, 35 giorni a –26° C., una sola caduta.