Nel weekend fuori porta si viaggia tra le Marche e il Lazio per gustare la regina dei legumi poveri, una selezione di antiche ricette della tradizione, i bucatini all’amatriciana e gli gnocchi alla grecciana. 

ANDIAMO NELLE MARCHE - Si parte da Serra de’ Conti, uno dei borghi meglio conservati delle Marche. Qui, da alcuni anni, ha preso il via un prezioso progetto di riscoperta della cicerchia, la regina dei legumi poveri che era a rischio di estinzione. L’appuntamento con la festa dedicata a questa delizia è fissato dal 23 al 25 novembre, con oltre 100 ricette da gustare nelle antiche cantine, nelle grotte, nelle locande e nelle osterie del centro storico, che proporranno tutto il meglio della tradizione regionale.

Anche l’artigianato tradizionale metterà in mostra lavori in legno e in vimini, pizzi e merletti, cucito e ricami, terrecotte e lavorazioni in vetro, mentre il ricco programma di intrattenimenti vedrà protagonisti gruppi folkloristici e stornellatori che fanno da filo conduttore a nuove esperienze, come le street-band e gli artisti da strada. A Serra de’ Conti - famosa per il suo centro storico di impianto duecentesco racchiuso da una cinta muraria spezzata da dieci torrioni - meritano una visita il Museo delle Arti Monastiche, una struttura unica nel suo genere che racconta oltre cinque secoli di vita claustrale attraverso gli oggetti della vita quotidiana e delle attività manuali delle monache, oltre al Chiostro di San Francesco annesso al Palazzo Comunale, al Monastero di Santa Maria Maddalena e al percorso panoramico di San Paterniano.  

ARTI E MESTIERI A ROMA - Spostandosi alla Fiera di Roma, originalità, tradizione, artigianato e passione torneranno a dar vita ad Arti e Mestieri Expo, giunta alla 13esima edizione, in programma dal 23 al 25 novembre più ricca ed emozionante che mai.Sarà un’occasione per tuffarsi in una conoscenza autentica del “fatto a mano” della piccola bottega italiana dove apprezzare creatività, passione e calore: gli ingredienti che più caratterizzano questo mondo. Nell’area espositiva si respirerà già l’aria del Natale, con le idee più originali del settore impreziosite da un ricco contorno di dimostrazioni e attività rivolte al pubblico e tenute direttamente dagli artigiani. Grande novità di quest’anno sarà lo Spazio Food di Fuoriporta, con deliziosi assaggi di tradizioni culinarie realizzate da associazioni e proloco, che con sapienza e dedizione proporranno le loro tipicità per tre giorni, dalle 10 alle 20; al contempo laboratori dedicati al folklore locale accompagneranno i partecipanti in un cammino del cuore lungo l’Italia dei mille Comuni, la miniera straordinaria di tradizioni, prodotti tipici, usanze e riti di sorprendente suggestione.

GEMELLAGGIO CON AMATRICE - Per l’ultima tappa settimanale si resta nel Lazio, dove andrà in scena a Greccio un gemellaggio con Amatrice all’insegna del gusto e della solidarietà. Sabato 24 novembre, in occasione dell’anteprima del Mercatino di Natale, la città duramente colpita dal terremoto  del 2016 proporrà i suoi famosi bucatini all’amatriciana; dopo aver assaggiato questa delizia, si potrà ammirare il nuovo allestimento natalizio del Museo Internazionale dei Presepi, oltre al suggestivo Sentiero delle Creature; nel pomeriggio, poi, il borgo di Greccio sarà illuminato solo con candele e luci naturali e si collegherà direttamente con Betlemme per l’accensione delle luminarie natalizie. Anche il giorno successivo sarà una buona occasione per calarsi nelle atmosfere tipiche di questo periodo curiosando tra gli stand, partecipando alle visite guidate del territorio e degustando gli gnocchi alla grecciana; il tutto in attesa dell’inaugurazione ufficiale del “Borgo del Natale”, in programma sabato 1 dicembre.

a cura di www.fuoriporta.org