Dal 2017, Honda ha dotato la CRF450R di un monocilindrico potente quanto quelli della migliore concorrenza. Nel 2019, crescono ancora le prestazioni e cala il peso; è stata addirittura tolta la pedivella d'avviamento. Come al solito, la cura dei dettagli è una delle migliori, se non la migliore, della categoria e ora, finalmente, il manubrio Renthal con tubo di 22 millimetri di diametro e traversino ha lasciato il posto ad un elemento conico e i cerchi sono di colore nero.

ALLUNGO E MANEGGEVOLEZZA - In sella, tutto è al posto giusto e la maneggevolezza nello stretto è elevatissima. Per questo motivo, nei tratti veloci la CRF450R va gestita con mestiere, anche perché il nuovo motore ha più allungo del precedente, senza avere perso nulla ai bassi e medi regimi. Promosse anche le modifiche all'impianto frenante, più potente.

L'ELETTRONICA NON MANCA - Per personalizzare la risposta al comando del gas e adattare l’erogazione alle differenti condizioni di grip del tracciato, ci sono tre mappature. C'è anche il launch control con tre livelli d’intervento Unica nota stonata, la frizione; il comando è duro e ha la tendenza a prendere gioco. La CRF450R è già disponibile ad un prezzo di 9490 euro.