Una volta quando ci si voleva riferire ad oggetti di dubbia qualità si diceva “cineseria”. I tempi però cambiano e la geografia della produzione e dei “consumi” sta virando in maniera decisa. Lo si percepisce anche a livello di cultura motociclistica. Se infatti, da una parte resistono situazioni come la galleria degli orrori che vi abbiamo proposto qualche tempo fa (con 8 cloni cinesi di moto famose) è del tutto evidente che la special proposta dal preparatore Lau Hao, su base BMW R nineT, va in tutt'altra direzione.

Dal suo “laboratorio” Mandrill Café & Garage, attivo a Pechino dal 2012, escono infatti lavori decisamente interessanti. Proprio come questa Dark Fighter, che il customizer ha realizzato con una precisa idea di fondo: combattere la tendenza “vintage” del momento con una moto anti-rétro. In altre parole, ha voluto rendere la modern-classic nineT, ancora più “modern”.

Lo si coglie da 1000 particolari, a partire dal faro davanti “avvolto” da una piccola mascherina; ma allo stesso tempo spiccano elementi “a contrasto” come la carenatura ai lati del serbatoio che rievoca sensazioni quasi medievali, ulteriormente amplificate dalla sella singola in stile Triumph “bobber”. Come dire, una special per cavalieri del futuro che proprio non ci tengono a passare inosservati.