Circa un anno fa ci lasciava Ivano Beggio. Era la notte tra il 12 e il 13 marzo 2018. L'ingegnere si spense all'età di 73 anni. Figura fondamentale nel panorama delle due ruote, ha scritto pagine importanti nel mondo della produzione con Aprilia, e in quello del motorsport, dove ha portato alla ribalta piloti del calibro di Valentino Rossi, Max Biaggi, Marco Melandri, Manuel Poggiali e altri. 

UNA AUTOBIOGRAFIA - Nella giornata di venerdì, il figlio Gianluca, tramite il profilo Facebook del papà, ha annunciato una importante iniziativa per ricordarlo: la pubblicazione di una autobiografia, terminata di scrivere pochi giorni prima della morte, a cui sarà possibile dare il proprio contributo inviando alla famiglia testimonianze fotografiche su Ivano Beggio.

LA LETTERA - Ecco le parole di Gianluca Beggio: «Buongiorno a tutti, sono Gianluca Beggio. Entro nelle pagine di papà, ad un anno dalla sua scomparsa, per segnalare l'iniziativa che stiamo organizzando in suo onore. Come Famiglia Beggio pubblicheremo l'autobiografia che aveva terminato di scrivere pochi giorni prima della sua scomparsa, condita da testimonianze di persone (piloti/tecnici ecc.) che hanno contribuito alla storia di Aprilia. Come lui voleva, ci terremmo a condirla di immagini e testimonianze di tutti gli appassionati. Per chiunque (possessori o expossessori, concessionari, appassionati...) che abbia foto originali "storiche" interessanti di una Aprilia ante 2003 o di se stessi con la propria Aprilia in un contesto "d'epoca" (come molte foto apparse in queste pagine), o voglia raccontare in pochissime righe cosa ha significato Aprilia nella sua vita o abbia aneddoti interessanti a riguardo, abbiamo aperto, per raccogliere il materiale, una pagina per la raccolta e selezione del materiale. Credo che il libro verrebbe ancora più bello e genuino se corredato da questo tipo di materiale. Vi ringrazio di cuore per l'attenzione e per il grande affetto dimostrato in queste pagine nei confronti di mio papà, che lui aveva così tanto apprezzato. Proprio dall'accoglienza ricevuta su Facebook aveva infatti deciso di scrivere una autobiografia per raccontare la nascita e lo sviluppo di Aprilia. Grazie ancora a tutti. Gianluca Beggio».