Il progetto "Treecity", che prevede il dono di un albero alla città meneghina per ogni esemplare di Tricity venduto: un’iniziativa che dimostra una grande attenzione da parte di Yamaha nei confronti dell’ambiente.

"Treecity" - lanciato ad aprile e sviluppato in collaborazione con il Comune di Milano -  non è passato inosservato alla giuria del Green Prix 2018, che ha deciso di assegnare proprio a Yamaha l’ambito premio.

Green Prix mira, ogni anno, ad assegnare i premi per le migliori idee e soluzioni eco-sostenibili nel mondo automotive e la consegna si è svolta a Palermo in occasione dell’ottava edizione di “No Smog Mobility”, manifestazione dedicata alla mobilità sostenibile

UN ALBERO PER OGNI SCOOTER - Il piccolo bosco firmato Yamaha, in una zona in via di riqualificazione, nascerà dopo la piantumazione che avverrà il prossimo novembre. Un albero di grandezza media produce circa 4 chili e mezzo di ossigeno in un giorno e grazie allo scambio gassoso neutralizza sostanze dannose e contribuisce a depurare l’aria.

La vincita del Green Prix consiste in alberi che verranno piantati, accanto ai 90 già presenti e frutto delle edizioni precedenti, nel “Bosco di No Smog Mobility” della cittadella universitaria. Anche Yamaha Motor sarà dunque protagonista dell’ampiamente “verde” nella città di Palermo.

 LA DIREZIONE GIUSTA - “Siamo molto orgogliosi di aver ricevuto questo premio”, ha detto Andrea Colombi, country manager Yamaha Motor in Italia. “Per noi è la testimonianza che stiamo lavorando nella giusta direzione e "Treecity" è solo la prima di una serie di iniziative che svilupperemo e che rientrano nella nostra Corporate Social Responsability.

“Essere in strada per Yamaha vuol dire non solo offrire prodotti che possano soddisfare ogni esigenza e che alimentino la passione dei nostri clienti, ma anche e più in generale essere vicini alle persone. L’approccio etico è per noi imprescindibile: sappiamo bene che vi è sostenibilità solo quando tutti gli attori in gioco vincono, siano essi clienti, ambiente o business partner”, ha concluso Colombi.