E’ in arrivo la nuova Beta Evo MY 2019, sulla quale gli ingegneri della Casa toscana hanno svolto un intenso lavoro di sviluppo ed affinamento tecnico. La nuova gamma Trial eredita infatti il know-how maturato sui campi di gara dal Team Beta Factor, composto quest’anno da due top rider come Albert Cabestany e James Dabill. L’obiettivo è quello di consentire, tanto all’amatore, quanto al pilota professionista, di utilizzare il meglio della tecnologia attualmente disponibile. Le moto sono già disponibili nei concessionari con prezzi invariati rispetto alla precedente versione. 

LE MOTORIZZAZIONI - Le versioni per gli amanti delle due tempi sono: 125, 250, 300 e 300 SS dove “SS” è l’acronimo di “Super Smooth”, una moto da Trial dal carattere decisamente più morbido e fun rispetto alle sorelle più aggressive. La versione 4 tempi vanta invece una cubatura di 300 cc e rappresenta ormai una alternativa alle sorelle sopraelencate grazie alla facilità di utilizzo di questa architettura di motore.

EVO 2T - Su tutte le versioni 2 tempi – anche 300 “SS” – sono state introdotte diverse novità volte all’affinamento tecnico. I propulsori (ad esclusione del 125cc.) vantano un cilindro con una nuova geometria della luce di scarico e dei nuovi diagrammi. Entrambe le novità migliorano la gestione del motore ai bassi regimi di rotazione e ne stabilizzano la carburazione garantendo delle prestazioni di riferimento. Inoltre è stata introdotta una nuova camma di arresto marce – direttamente derivata dal modello Factory. Proviene dalla Factory anche la nuova centralina CDI adesso con mappe ottimizzate per il nuovo cilindro.

EVO 4T – Il motore 300 4T ha beneficiato di un lavoro di sviluppo che vede tra le novità più importanti l’introduzione di un nuovo comando del gas con una rampa interna ridisegnata per una migliore gestione della potenza ai bassi regimi di rotazione. Così come la 2 tempi, anche la 4 tempi eredita la nuova centralina CDI con una nuova mappa dedicata.

ALTRE NOVITA’ - Grande attenzione è stata posta anche alla ciclistica con una serie di novità che riguardano tanto le versioni 2 tempi che la 4 tempi:

nuova geometria del tampone dell’ammortizzatore: adesso più alto e con una maggiore progressione;

nuovo pistone dell’ammortizzatore: per la sensibilità e la progressione della sospensione. Il nuovo pistone, abbinato alla modificata geometria del tampone - assicura Beta - genera un grip superiore perdonando maggiormente eventuali errori di guida;

nuovo pompante sul lato meccanico della forcella: garantisce una maggiore progressione nell’assorbimento degli urti;

nuovo olio forcella: ottimizza la stabilità alle temperature e promette massima scorrevolezza;

tendicatena rinnovato: adesso è possibile una regolazione su un range più ampio, oltre ad un’incrementata facilità d’intervento;

pinza freno posteriore con sistema antivibrazione delle pastiglie: per stabilizzare il punto di frenata sul pedale e ridurre il rumore;

Nuove grafiche e colori.