Un impegno importante, quello di BMW, nello sviluppo di mezzi elettrici a due ruote. Al IAA Cars arriva il nuovo Concept Link, stato dell’arte della Casa dell’Elica per quanto riguarda la propulsione “green”. Ma non solo, perché questo scooter condensa tutte quelle nuove tecnologie che favoriscono, sempre di più, la “connettività” digitale in favore della mobilità urbana.

SIMBOLO DI UNA NUOVA ERA - Edgar Heinrich, Capo del reparto Design di BMW Motorrad, lo dichiara senza mezzi termini: “il Link, con il suo stile minimal e senza tempo, è più di un concept, rappresenta il simbolo di una nuova era”. E di certo, non si tratta di un mezzo che passa inosservato, soprattutto sul piano del design, declinato secondo un vero e proprio nuovo linguaggio stilistico. Il pianale con le batterie, di tipo piatto, sul fondo, il motore compatto, sono tutti elementi che hanno permesso di sviluppare il Link secondo linee innovative, e non solo per quanto riguarda i classici stilemi BMW.

NATO PER LA CITTÀ - Basso da terra, votato alla maneggevolezza e dotato dello sprint tipico dei motori elettrici grazie al sistema E-drive, il BMW Link ha tutte le carte in regola per affermarsi - nel caso di una possibile, futura (e assai probabile) versione di serie - come alternativa rilevante per il commuting urbano. I tecnici tedeschi hanno previsto anche una comoda marcia indietro per facilitare le manovre in pendenza e negli spazi più ristretti.

PRATICITÀ PRIMA DI TUTTO - La sella può essere regolata anche in senso longitudinale, a seconda delle preferenze, per consentire a tutti la migliore seduta possibile. E non manca un apposito vano dove riporre oggetti di vario genere - fondamentale su ogni commuter che si rispetti - cui si accede mediante una praticissima anta scorrevole.

ASSISTENTE DI NAVIGAZIONE - Ispirato al Vision NEXT 100, il BMW Motorrad Concept Link interpreta quindi l’ideale trait d’union tra pilota, veicolo e ambiente per l'uso urbano. Tra gli elementi più importanti c’è senza dubbio la connettività. Il Concept Link, ad esempio, è in grado di leggere l’agenda del pilota e quindi di conoscerne le varie destinazioni nell’arco della giornata; di conseguenza, potrà progettare il percorso più veloce o più panoramico (se si tratta di svago) e, se necessario, anche selezionare la musica più adatta per il viaggio.

IL PARABREZZA DEL FUTURO - Altra funzione interessante è quella di poter proiettare tutte le info più importanti - velocità, carica della batteria (e quindi autonomia residua), navigazione - direttamente sul parabrezza (tra l’altro dotato di tecnologia “touch” per facilitare le varie selezioni) - così da ridurre al minimo i fattori di distrazione alla guida. E proprio a tal proposito, diversi comandi fanno sì che durante la guida si possa accedere alle funzioni più importanti senza dover togliere le mani dal manubrio.

Un mezzo senza dubbio interessante questo Link, un assaggio di futuro firmato BMW.