Piaggio sarà presente in modo maggiore in Cina, soprattutto con lo scooter elettrico. Ad annunciarlo è lo stesso presidente AD del Gruppo di Pontedera, Roberto Colaninno, che parlando all'assemblea degli azionisti, ha detto: “Stiamo definendo le linee strategiche della area cinese, e definiremo il responsabile per quella area. Questo cambiamento è importante e coerente con le linee di sviluppo società, che vede sia motore elettrico che l’area commerciate asiatica come gli obiettivi di fondo della Piaggio”.

 L’iniziativa prevede la scelta di un responsabile per il mercato cinese e una riorganizzazione del management in Asia, Europa e Italia.

Colaninno ha annunciato anche il suo imminente viaggio sia in Vietnam che a Hong Kong “per lanciare le basi per una maggiore presenza e sviluppo sul mercato cinese con il nostro socio attuale, individuando lo scooter elettrico come il prodotto da sviluppare".

BILANCIO POSITIVO - Per Colaninno si tratta di "un cambiamento organizzativo importante coerente con le linee di sviluppo della società", che passa anche per una "riorganizzazione della rete", che conta oltre 200 punti vendita monomarca nel mondo.

Nel corso dell’assemblea è emerso che il primo trimestre dell'anno è stato "positivo" per il gruppo, "con una crescita del fatturato e dell'Ebitda" e "il debito in ribasso" rispetto al primo trimestre 2016, ha sottolineato Colaninno.

L'assemblea dei soci, con il 68,1% del capitale sociale presente, ha approvato il bilancio del 2016, che si è chiuso con un utile netto di 14 milioni di euro, in aumento del 18,3%, e ricavi di 1,3 miliardi (+1,4%), e la distribuzione di un dividendo di 5,5 centesimi, in aumento dai 5 centesimi dell'anno precedente.