Non dà segni di sosta la crisi di MV Agusta. Anzi, purtroppo l'unica cosa a fermarsi è la produzione. Nonostante abbia siglato da poco un accordo con il fondo d'investimento internazionale russo Black Ocean Group (leggi qui) in un'intervista a Australian Motorcycle News, Giovanni Castiglioni, il patròn di MV Agusta, ha parlato di uno stop al nuovo progetto F4. L'azienda - ha detto - si focalizzerà su una naked già in produzione, la Brutale quadricilindrica, sulla quale sarà montato un motore di 1200 cm3.

POCHE MA BUONE - Anche i volumi di produzione saranno rivistati. Castiglioni ha parlato di pianificare una vendita annuale di 5.000 unità, in luogo delle 9.000 delle quali aveva parlato prima della crisi. E, quello che è peggio, ma ne è conseguenza diretta, è che anche il personale di Schiranna diminuirà: si passerà dai circa 300 dipendendi di oggi a meno di 200. Il reparto Ricerca e Sviluppo è già passato da 70 a 40 dipendenti. 

Eppure MV Agusta nel 2017 dovrebbe essere impegnata nel campionato Superbike. Cosa succederà? AMG sarà ancora partner? Il fondo d'investimento russo riuscirà a far ripartire la storica e gloriosa Casa? I punti di domanda, per ora, non hanno una risposta...