Triumph Motorcycles, l'iconico marchio motociclistico britannico, ha confermato che tornerà alle leggendarie saline di Bonneville, negli Stati Uniti d'America, nel mese di agosto, per battere il record di velocità su terra. L'obiettivo di Triumph è quello di superare il record corrente che si attesta a 605,696 km/h, usando una Triumph Rocket Infor Streamliner.
In sella ci sarà il detentore di molteplici record al TT sull'Isola di Man Guy Martin.

La Triumph Rocket Infor dispone di una costruzione monoscocca in carbonio e kevlar con due motori turbo capaci di erogare 1000 CV a 9000 giri al minuto. La moto è lunga 7,77 metri, larga 61 centimetri piedi e alta 91 centimetri. Alimentata da combustibile al metanolo, è in competizione nella categoria Divisione C (streamlined motorcycle).

Triumph ha una storia nei record di velocità su terra: ha già detenuto il titolo di moto più veloce del mondo tra il 1955 e il 1970 , conquistati in sella a Devil's Arrow, Texas Cee-gar, Dudek Streamliner e Gyronaut X1, quest'ultimo capace di raggiungere la velocità di 395,28 km/h.
Guy Martin ha detto: "Non vedo l'ora di provare la Triumph Infor Rocket Streamliner sul sale di Bonneville quest'estate. Gli ingegneri di Triumph hanno costruito una macchina stupefacente, dandoci la migliore possibilità di battere il record di velocità su terra a due ruote".

Del resto, anche il nome iconico Bonneville è stato concepito dopo il record di velocità di terra di Johnny Allen a Salt Flats nel settembre 1956, quando ha raggiunto la velocità record di 193,72 mph. Il primo modello T120 Bonneville fu presentata all'Earls Court Bike Show e messo in vendita nel 1959.