A due anni dal debutto sul mercato, BMW rinnova il C-Evolution, cioè lo scooter elettrico derivato dal C650. Verrà presentato al Salone di Parigi, cioè uno degli appuntamenti di spicco dell’industria automobilistica. Una “incursione” che si spiega con la principale destinazione d’uso di questo modello, ovvero essere un mezzo di mobilità a zero emissioni prettamente urbana. Con la nuova versione, poi, c’è uno sdoppiamento di potenze che fa sì che il C-Evolution possa essere guidato anche con la patente B. Si, perché quando si omologa uno scooter elettrico, quello che conta è la potenza continua e non quella di picco. Il motore, in entrambi i casi eroga 48 CV ed è alimentato dalla nuova generazione di batterie con celle da 94 Ah. 

Quello che cambia è la potenza continua che sulla versione Long Range arriva a 26 CV, mentre su quella che si guida con la patente B si ferma a 15 CV. Le velocità massime sono rispettivamente di 129 e 120 km/h, più che adeguate anche per le tangenziali. L’autonomia è rispettivamente di 160 e 100 chilometri. Il resto delle modifiche riguardano soprattutto l’estetica, con nuovi abbinamenti cromatici ionic silver metallizzato/electricgreen, completato dal colore di contrasto blackstorm metallizzato. Con questa nuova versione, infine, la commercializzazione del C-Evolution verrà estesa anche al di là dell’oceano, in particolare negli Stati Uniti e in Giappone.