Continua il viaggio di “Vagabondo per il mondo”: un’iniziativa in moto in solitaria che terrà occupato Mauro Dagna per i prossimi 2 anni e mezzo portandolo nei 5 Continenti e facendolo attraversare 70 Paesi per un totale di 120.000 km in sella ad una Honda Africa Twin. Un grande viaggio, ma soprattutto un  progetto dai risvolti benefici. Il Vagabondo, nel suo girovagare per il mondo, incontrerà infatti 200 Lions Club con l’intento di raccogliere fondi per due importanti iniziative benefiche: la prima, promossa dalla Lions Foundation, promuove la vaccinazione contro il morbillo in 49 Paesi nel mondo; la seconda, proposta dall’associazione Albergo Etico Progetto Download, intende costruire un albergo ad Asti dove persone affette da sindrome di Down troveranno la giusta collocazione lavorativa. Al momento il “vagabondo” Mauro Dagna è sbarcato in Brasile ove proseguirà il suo viaggio. Nel precedente articolo abbiamo seguito il viaggio di Dagna, in sella alla sua Honda Africa attraversato Etiopia, Kenya, Tanzania e Namibia, che percorrendo strade impervie e paesaggi mozzafiato, tra grandi mammiferi e voraci predatori, era diretto verso il Sud Africa, da dove partire alla volta del Sud America. Numerosi gli aneddoti divertenti di questo incredibile viaggio, come quando in Kenya, campeggiando a bordo del lago Naivasha, ha avuto ogni sera a pochi metri dalla tenda famiglie intere di ippopotami che abitano il lago e che all'imbrunire escono a brucare l’erba dei prati circostanti. A sorprendere Mauro Dagna c'è poi l'incontro con le comunità locali, e il contatto con la genuinità e la purezza d'animo di chi, pur avendo pochissimo, è pronto a condividere tutto. Mauro Dagna in quattro mesi ha percorso 16.700 km da Addis Abeba a Johannesburg, ove si è imbarcato per il Brasile. Nella mappa troverete l’itinerario che il “Vagabondo” ha progettato di portare a termine. Lavazza sostiene quest'impresa, affinchè il suo “ambasciatore di solidarietà” possa portare un messaggio di speranza in tutti gli angoli del pianeta. La moto di Mauro Dagna, infatti, è equipaggiata con una "A Modo Mio EspressGo", la prima macchina a capsule da viaggio.