Diavolo di un Roland Sands. Il famoso designer ha rivoltato letteralmente una BMW R 18 per tiarne fuori una versione Dragster che è un vero concentrato di grinta che ruota attorno al nuovo Big Boxer
Con un motore che è così, visibilmente il il grande protagonista, ho subito pensato alle "muscle car", spiega l'origine del progetto il customizer statunitense.

ARTIGIANALITà AL POTERE

Più di ogni altra moto, la nuova R 18 offre un design altamente personalizzabile. Presenta un telaio posteriore facilmente rimovibile e un set di parti verniciate che si possono anche esse rimuovere facilmente. Ciò offre al cliente un elevato grado di libertà per convertire facilmente l'estremità posteriore della nuova R 18 in base alle preferenze personali. 
L'elettronica è stata sicuramente il compito più difficile che abbiamo dovuto affrontare quando abbiamo inserito il protossido di azoto - confessa Sands - eliminato lo scarico di serie e modificato drasticamente l'aspirazione. È stato un po 'un esperimento, ma il risultato finale è impressionante e caratterizzato da un alto livello di artigianalità".

Per la R 18 Dragster, il team di Roland Sands ha mantenuto la geometria del telaio di serie della R 18, ma ha rimosso la parte posteriore della moto e trasformandola in una vera moto da corsa. Inoltre, sono stati modificati il parafango anteriore e posteriore per adattarsi al diverso telaio. L'intero processo di personalizzazione ha richiesto circa tre mesi e mezzo, oltre ad una giornata il pista per saggiarne prestazioni ed affidabilità.

DUE VERSIONI

Roland Sands ha anche creato due diverse R 18 Dragster, denominate "Machined" e "2-Tone-Black". Si differenziano per diversi particolari oltre alle differenti colorazioni.

La BMW R 18 Dragster in dettaglio:

- Il telaio modificato con sospensione posteriore eliminata per le gare di accelerazione
- I parafanghi anteriori e posteriori modificati utilizzando le parti in lamiera di serie
- Il faro è l'originale della R 18 con una cornice in alluminio fresato
- Lo scarico adotta una configurazione a doppio megafono in acciaio inossidabile realizzato a mano
- Le pompe freno anteriori e frizione sono di Roland Sands Design
- Il serbatoio è stato sostituito
- La finitura è di un blu metallizzato bicolore con classiche strisce bianche BMW realizzata da Chris Wood
- La forcella è di una BMW R nineT
- L'impianto frenante anteriore è della BMW S 1000 RR
- La sella è stato rifatta da zero da RSD di Saddlemen

BMW, le novità della gamma 2021