Prima o poi la pandemia terminerà, riportando tutti, cittadini e aziende, alla normalità. Ma nel frattempo è inevitabile che gli effetti dell'emergenza Coronavirus si facciano sentire anche nell'ambito motoristico. E le due ruote non sono immuni, infatti sono diversi i marchi che sono stati costretti a chiudere i propri stabilimenti e le previsioni di mercato non lasciano ben sperare, sia per il mercato italiano che quello estero.

LA DECISIONE DI BMW MOTORRAD

Effetti negativi che si protrarranno per tutto il 2020, come dimostra la decisione di BMW di non partecipare ai due eventi motociclistici dell'anno, l'EICMA di Milano e l'Intermot di Colonia, che dovevano tenersi nei prossimi mesi di ottobre e novembre, a causa della difficile previsione dello sviluppo della pandemia da COVID-19.

EICMA, "Lavoro straordinario" ma si dimette il Consiglio di Amministrazione

"Questa decisione è stata presa al fine di contrastare subito in una fase iniziale le attuali incertezze di pianificazione - recita la nota diffusa da BMW Motorrad -, anche per tutti i nostri partner coinvolti nelle apparizioni del motor show BMW Motorrad, nell'interesse della massima sicurezza possibile, prevedibilità e trasparenza".

RICORSO AI SOCIAL

"BMW Motorrad presenterà le anteprime mondiali e gli highlights dei prodotti previsti per questi spettacoli motociclistici su piattaforme alternative nell'autunno 2020. In tal modo, la società farà sempre più affidamento sui propri formati e canali di comunicazione digitale".

BMW R nineT "Bull Face", il cruiser visto da Heiwa Motorcycle