Una rete di strade a pedaggio in tutta l'Unione Europea, che coinvolge tutti i veicoli ad eccezione di autobus e pullman. Sarebbe questa l'intenzione del Ministro dei Trasporti tedesco Andreas Scheuer. Un progetto che, se approvato, renderebbe girare per il Vecchio Continente (anche in moto) sicuramente più complicato.

Moto troppo rumorose? 200mila motociclisti protestano in Germania

NON TUTTI SONO FAVOREVOLI

L'indiscrezione arriva dall'agenzia Reuters: entro otto anni, tutti i mezzi, dalle auto ai camion, passando naturalmente per le moto, dovranno pagare i pedaggi nelle strade degli Stati membri dell'UE. La legge pensata da Scheuer non trova però tutti d'accordo: i membri del partito social-democratico tedesco (coloro che condividono il potere insieme all'ala conservatrice guidata da Angela Merkel) infatti si sono già dichiarati contro il sistema di pedaggio.

SARÀ EFFETTIVAMENTE COSÌ?

Le motivazioni alla base del progetto portano a una possibile riduzione del volume di autovetture circolanti, con conseguente risparmio di emissioni. Non è stato comunque dedicato uno specifico paragrafo alle motociclette (anche se il fatto che a non essere coinvolti siano solo autobus e pullman non lascia spazio a dubbi) né ai mezzi elettrici. Staremo a vedere se il piano entrarà effettivamente in vigore.

Andare in moto d'estate: il caldo non ci ferma