Ripartenza, ma graduale. Il settore dell’industria motociclistica si sta piano piano risvegliando dal sonno forzato di queste lunghe settimane. Nonostante l’emergenza Covid-19 non sia ancora terminata, c’è chi ha deciso di riprendere il lavoro. È il caso di LS2 Helmets e della sua sede principale, a Barcellona. Dal 14 aprile 2020, la ricezione e le spedizioni degli ordini diretti a tutti i punti vendita europei sono ripartiti, naturalmente con grande attenzione alla salute dei dipendenti e monitorando costantemente la situazione. 

Ecco Intelliquin, il sistema per caschi che rileva gli incidenti

Misure di sicurezza

È importante riprendere il normale svolgimento delle attività, specialmente per chi come LS2 Helmets produce circa tre milioni di caschi l’anno, ma non a discapito della sicurezza e della salute di chi lavora di chi compra. È per questo motivo che l’azienda sta portando avanti il proprio operato prendendo le necessarie misure di precauzione in linea con i protocolli di sicurezza. I dipendenti degli uffici di Barcellona, per esempio, continuano con lo smart working e i team di progettazione e studio del prodotto per i caschi, l’abbigliamento e i guanti son ancora fermi.

L’applicazione rigida delle regole è l’unico modo per salvaguardarsi.

Emergenza coronavirus: che ne sarà del motociclismo?