Sono oltre 7.000 le ore lavorative che i dipendenti italiani della Pirelli hanno donato nell’ambito dell’iniziativa “Insieme per l’Italia, insieme per la ricerca” promossa dall’azienda.
L'azione intrapresa a supporto dell’emergenza Covid-19 si traduce in un controvalore di circa 220 mila euro, importo che sarà raddoppiato dal gruppo dell "P" lunga.

Tronchetti Provera: "VIcini a chi è in prima linea"

La somme è destinata all’ospedale Luigi Sacco di Milano, ed  si aggiungono i contributi di partner di Pirelli per oltre 300 mila euro, tra cui Camfin e Fondazione Silvio Tronchetti Provera che, come noto, hanno donato 100 mila euro ciascuno, per un totale complessivo di 750 mila euro.

Il Coronavirus può "infettare" la moto?

I fondi finora raccolti dall’iniziativa, che proseguirà nei prossimi giorni, sono destinati a sostenere l’acquisto di dispositivi per gestire l’insufficienza respiratoria di pazienti critici presso l’unità operativa di terapia intensiva dell’Ospedale Sacco, rafforzare il livello di sicurezza delle attività di assistenza e contribuire alla ricerca.

La donazione segue quella già realizzata da Pirelli in collaborazione con la Regione Lombardia che ha consentito di fornire 65 dispositivi per la ventilazione assistita di terapia intensiva, 5 mila tute per utilizzo sanitario e 20 mila mascherine a supporto delle strutture sanitarie della Regione.

"Tutto il mondo Pirelli è vicino a chi oggi è in prima linea nell’affrontare questa grave emergenza ed è al fianco di tutti i medici, infermieri, operatori del sistema sanitario. A loro, e a chi oggi è insieme a noi nel supportarli, va il ringraziamento di tutti i dipendenti e dell’azienda", ha dichiarato Marco Tronchetti Provera.

Coronavirus: andare in moto solo se necessario e da soli