Nonostante le tante critiche e i dubbi interpretativi di cui vi avevamo dato notizia pochi giorni fa, il mondo politico tira dritto e manda in vigore da domenica 16 febbraio la norma dell’RCAuto Familiare scritta nel Decreto Milleproroghe, attualmente in fase di conversione in legge.

Ci si attendeva l’approvazione di emendamenti già presentati per posticiparne proprio l’entrata in vigore, perché mancherebbe il regolamento attuativo, che l’Ivass non ha ancora promulgato. Invece le Commissioni della Camera hanno approvato un emendamento di senso opposto, che conferma l’entrata in vigore della norma, stabilendo un qualcosa che mancava alla precedente scrittura: cosa succede in caso d’incidente.

Nuova RC Auto: in caso di incidente 

D’ora in poi con un singolo incidente si potranno però perdere fino a 5 classi di merito. Fino a ora se ne perdevano 2. La dizione sembrerebbe però lasciare la porta aperta alla discrezionalità della compagnia, che può scegliere di quanto far scorrere in basso il veicolo causa d’incidente.

A questo punto la norma andrà in vigore, anche se inizialmente in maniera incompleta e alla garibaldina. Mancano regole interpretative, e ci sono dubbi. Magari in questi giorni si risolverà tutto, ma certo, la sensazione è sempre di un modo di legiferare avventato.

Il Decreto Milleproroghe deve essere convertito in legge entro la fine del mese di febbraio, pena la decadenza.

AGGIORNAMENTO: il cosidetto supermalus scatta per moto o motorini che causano incidenti con un risarcimento danni alla parte lesa pari o superiore a 5.000 euro. Il veicolo che si trova ad aver causato un sinistro di questo tipo, perderà fino a 5 classi.

Monopattini elettrici, ennesimo rimpasto: limite di età e altri divieti