La National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) ha impiegato Act Labs, un laboratorio indipendente in California, per testare caschi omologati DOT, per quel che riguarda l'etichettatura e le prestazioni, nel corso di un periodo che va dal 2014 al 2019. In questo arco di tempo, il laboratorio ha testato in totale 167 caschi. Da quanto riportato anche da vari fonti oltreoceano il 62,8 % dei caschi ha fallito la parte relativa all'etichettatura e un poco incoraggiante 43,1 % dei caschi non ha superato i test riguardante le prestazioni relative alla protezione. 

TREND IN CRESCITA

Questo dato fa riflettere, oltre che preoccupare, anche perchè il numero di caschi che non ha superato i test di sicurezza è aumentato rispetto ad una analisi precedente - che però si riferiva a prove effetuate fino al 2018 - di oltre il 3 % (nel 2018 il valore era al 40%).

MULTE IN ARRIVO?

I produttori dei caschi che non hanno superato l'esame di Act Labs saranno probabilmente costretti a emettere un richiamo oltre a dover pagare delle sanzioni.

LA SITUAZIONE IN EUROPA

Nel Vecchio Continente con le norme ECE, decisamente più severe rispetto alla DOT (abbastanza obsoleta e non ritenuta ormai affidabile da noi), dovremmo stare più al sicuro da questo punto di vista, anche grazie al lavoro di enti come SHARP o SNELL che efftuano test a campione sui caschi già messi in vendita.

In generale comunque è bene prestare attenzione, soprattutto oggi che, nell'era dello shopping sul web, si potrebbe optare per l'acquisto all'estero di un casco con omologazione DOT.

ETICHETTATURA

Un casco omologato in Europa deve possedere delle caratteristiche di resistenza ed affidabilità che al di fuori della UE non sempre vengono prese in considerazione. Sulla etichetta troviamo la sigla E3-05, dove la E indica Europa, il 3 si riferisce al Paese di omologazione (l’Italia in questo caso) e 05 indica la norma ECE con cui è stato omologato (dal 2020 entra in vigore la nuova ECE-06). A questa sigla si aggiungono le lettere P e J. P per gli integrali, J (Jet) e PJ per i caschi crossover che hanno superato i test con o senza mentoniera.

Sul sito Web Office of Vehicle Safety Compliance si possono vedere i risultati dei test e visionare quali caschi abbiano o meno superato le varie prove.

Shoei presenta il nuovo casco DDS Glamster