Se c’è un mezzo particolarmente apprezzato in Italia, quello è sicuramente il Piaggio Beverly. Da parecchio tempo ormai occupa le posizioni che contano nella classifica degli scooter più venduti in Italia. Prezzo contenuto, uno spiccato spirito versatile e uno stile non indifferente sono gli elementi del suo successo. Piaggio però ha colto l’occasione del necessario adeguamento all’Euro 5 per ritoccarlo un po’ ovunque, dal design alla meccanica.

Piaggio Beverly 2021: ecco com'è cambiato 

La prima cosa che salta all’occhio del Piaggio Beverly 2021 è il look, decisamente rinfrescato. Il frontale è stato totalmente ridisegnato, mentre la vista laterale è sensibilmente più muscolosa. Tutte le luci ora sono a LED (frecce comprese) e la targa è posizionata sulla ruota, come avviene su alcune moto. Sono inediti anche i cerchi, con un disegno a sette razze sdoppiate, e la sella, rifinita con doppio rivestimento e doppie cuciture.

E la meccanica? Tranquilli. Il Piaggio Beverly fa debuttare due nuove motorizzazioni Euro 5 della famiglia HPE - High Performance Engine - di 300 e 400 cc. Il 300 in particolare è cresciuto di potenza del 23% rispetto alla precedente versione, raggiungendo così i 19 kW (25,8 CV) a 8.000 giri e 26 Nm. Per quanto riguarda il 400, andrà a sostituire il già apprezzato 350. Naturalmente ha una potenza maggiore, ora. 26 kW (35,4 CV) a 7500 giri e una coppia massima di 37,7 Nm. Entrambi sono abbinati a un telaio a doppia culla in tubi di acciaio e a una nuova forcella Showa con steli di 35 mm di diametro, mentre al posteriore lavora una coppia di ammortizzatori Showa con precarico regolabile su 5 posizioni. I cerchi sono di 16 e 14 pollici.

Parlando infine di tecnologia, debuttano sul nuovo Beverly anche la chiave smart-key e la strumentazione LCD di 5,5 pollici collegabile allo smartphone via Bluetooth (solo sul 400). Per entrambi le motorizzazioni è disponibile la versione S, che si distingue innanzitutto per le finiture opache in grigio grafite, la sella nera in due materiali e i cerchi grigio scuro.

Design moto, il trend: semplice, tecnologico e “bio”